A- A+
Cronache
Cospito, il pm Ardita: "Troppi detenuti al 41 bis. Il sistema sta saltando"
Milano, 600 in corteo per l'anarchico Cospito

Il pm Ardita sul 41 bis: "Sta già saltando, utilizzato per troppi detenuti"

La Cassazione che ha respinto il ricorso della difesa di Alfredo Cospito, contro la decisione del tribunale di sorveglianza di Roma, “ha confermato quello che noi avevamo detto fin da subito, non ci sono i presupposti per revocare il 41 bis. Uno che dice 'dovete fare un salto di qualità e non aggredire le strutture ma aggredire le persone, cioè tirare uno schioppo a uno', devo ancora pensare che ci siano dei problemi sul fatto che stia 41 bis? Io no”. Il sottosegretario alla giustizia Andrea Delmastro, commenta con l’AGI, la decisione della Cassazione, sul leader anarchico Cospito, al termine di una lunga visita nel carcere di Pavia. 

Sul tema interviene anche il pm antimafia Sebastiano Ardita in un'intervista a La Stampa. "Dovremmo smetterla con questo dibattito da strada sul 41 bis, rimettendo le cose in ordine, distinguendo compiti e responsabilità tra politica e magistratura, e ragionando sulle conseguenze sistemiche delle scelte su singole vicende come il caso Cospito", dice Ardita.

Che si dice poi non sorpreso della decisione della Cassazione? "E mi stupisco degli addettiai lavori chelo sono", dice a La Stampa. "La Cassazione era chiamata a pronunciarsi sullalegittimità del provvedimento su Cospito. E il provvedimento è legittimo, perché è scritto bene e rispetta i due parametri sul 41 bis: tipologia di reato (mafia o terrorismo) e grado di pericolosità delle comunicazioni esterne".

Secondo quanto dice Ardita a La Stampa, il ministro Nordio "deve porsi anche altre domande: come incide il caso concreto sul sistema penitenziario in generale? Che tipo di conseguenze comporta l’applicazione del 41 bis a una particolare tipologia di detenuto come Cospito? Siamo in grado, e come, di gestire l’onda di reazioni che suscita?"

Ardita afferma poi a La Stampa che a suo parere il 41 bis "sta già saltando, e non da oggi. Questo caso mostra una crisi che viene da lontano". Spiegando: "La spia è il numero di detenuti al 41 bis. Oltre 700: troppi. Il numero fisiologico sarebbe intorno a500".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
41 bisarditacospito
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

MediaTech

Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14


in vetrina
A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova





motori
Dodge diventa auto e safety car ufficiale del WorldSBK 2024

Dodge diventa auto e safety car ufficiale del WorldSBK 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.