A- A+
Cronache
Cospito peggiora rapidamente: guerriglia anarchica a Torino, danni e feriti

Manifestazione per Cospito a Torino, danni e feriti

Trentaquattro manifestanti fermati, quattro dei quali rischiano l'arresto, due poliziotti feriti, vetrine spaccate, danni alle automobili parcheggiate e lanci di lacrimogeni. Questo il bilancio del corteo in solidarietà con Alfredo Cospito, l'anarchico in sciopero della fame detenuto al 41 bis, che ha visto sfilare circa 500 persone nel centro di Torino, provenienti da tutta Europa. "Tra le cose che mi mancano di più c’è il contatto coi miei familiari. Vorrei poter fare loro una carezza, ma anche questo non mi è concesso ed è inspiegabile, inaccettabile" ha raccontato Cospiro dopo aver visto nei giorni scorsi i due fratelli, come riporta la Stampa. "Non vedo orizzonti, non un prato verde, ma solo un quadrato di cielo azzurro che si staglia oltre i muri: un cielo con le grate".

Punto di ritrovo, nel pomeriggio, piazza Solferino. Le vie del centro sono già blindate e il corteo non è ancora partito quando i dimostranti riferiscono al cronista che "sette di noi sono stati fermati dalle forze dell'ordine in corso Matteotti e portati in questura". "Alfredo non deve morire e se muore gliela faremo pagare", minaccia un altro. "Oggi chi resiste al 41-bis, che è una tortura e offende l'umanità, lo fa mettendo in conto che si può morire. La morte per chi ha scelto la rivoluzione è una sorella di vita", afferma un altro.

Incamminatisi verso Porta Palazzo, gli anarchici hanno spaccato le vetrine incontrate sul loro cammino, fra cui quelle della sede Reale Mutua di corso Siccardi. Sono state danneggiate anche alcune vetture in sosta e sradicati dei pali di segnali stradali.

Numerose le esplosioni udite in via della Consolata, strada che conduce in corso Regina Margherita, poche decine di metri dal mercato di Porta Palazzo. Proprio una bomba carta ha causato il ferimento di un agente del reparto mobile di Milano, colpito alla gamba, mentre un'operatrice della polizia scientifica è stata ferita alla mano da una bottiglia di vetro lanciata dai manifestanti.

Le forze dell'ordine, dotate anche di mezzi idranti, hanno quindi lanciato lacrimogeni contro i manifestanti al mercato di Porta Palazzo, quando polizia e anarchici si sono ritrovati a una cinquantina di metri di distanza. 

Mazze, martelli, cesoie, petardi di grosse dimensioni, maschere antigas, caschi, scudi e altro abbigliamento per affrontare lo scontro in strada. È parte del materiale sequestrato dalla digos di Torino ai manifestanti anarchici arrivati nel capoluogo piemontese da tutta Italia e dall'estero (Francia, Spagna, Germania, Austria, Belgio, Grecia) per manifestare contro il 41-bis a cui è sottoposto Alfredo Cospito.

Sono in totale 350 i manifestanti anarchici controllati e identificati dalla polizia di Torino. La digos ha denunciato 34 persone e comminato 11 fogli di via. Quattro persone sono state fermate durante i disordini a Porta Palazzo e ora rischiano l'arresto.

Il questore: "Incomprensibili i danni ai privati"

"I manifestanti hanno trovato obiettivi sensibili, ad esempio le banche, ma nessuno poteva immaginare che sarebbero state devastate anche le macchine dei privati e le vetrine di commercianti, che devono sbarcare il lunario in maniera onesta e dignitosa. Siamo sicuri di identificare gran parte degli autori di questi reati". Così il questore di Torino, Vincenzo Ciarambrino, dopo i disordini avvenuti in città durante la manifestazione.

"Quando si muovono queste realtà, i danneggiamenti sono all'ordine del giorno - ha aggiunto il questore - ma non riesco a comprendere quelli senza criterio. Posso comprendere un danneggiamento a tema, che non va comunque fatto perché è un reato, ma i danni ai privati non li concepisco".

"Siamo vigili e attenti da diversi tempo. Seguiamo l'evolversi del percorso giudiziario e sanitario di Cospito, i nostri apparati investigativi centrali e locali funzionano per cui siamo pronti a qualsiasi evenienza", ha aggiunto Ciarambrino, "non posso escludere altre manifestazioni a Torino, faremo le opportune valutazioni anche alla luce di quello che è successo stasera".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
anarchicicospitoprotestetorino
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.