A- A+
Cronache
“Edoardo. L’intruso tra gli Agnelli”: l'anima dell'Avvocato nell'erede suicida
Edoardo e Gianni Agnelli

"Edoardo. L'intruso tra gli Agnelli". L'autore Marco Bernardini ad Affari: "L'Avvocato? Era un insensibile"

“La sua fotografia vera troppe volte filtrata e deformata dalla macchina della menzogna o anche soltanto dal pettegolezzo”. Stiamo parlando di Edoardo Agnelli, primogenito dell’Avvocato e protagonista del nuovo libro di Marco Bernardini, “Edoardo. L’intruso tra gli Agnelli”. Perché questo era, alla fine, Edoardo: non solo e non tanto l’erede designato per nascita di uno tra i più potenti uomini che hanno contribuito a fare dell’Italia una Nazione competitiva. Ma un “principe generoso e sfortunato”, ingenuo e tragico allo stesso tempo, che sognava una fabbrica illuminata e un potere basato sulla solidarietà. Ma in cui “crescono i semi del male di vivere. Fino a soffocarlo; fino a quel salto definitivo nel vuoto il 15 novembre 2000, l’atto più autopunitivo e ingiusto che potesse esistere".

Affari pubblica in anteprima la Premessa al libro, e dialoga proprio con Marco Bernardini, giornalista e scrittore di sport e non solo, autore televisivo per Sky e La7, che è stato legato da un’amicizia fraterna con Edoardo Agnelli.

Perché pubblicare un libro su Edoardo Agnelli a così tanti anni dalla morte? La sua storia non appartiene ormai al passato?

Per due motivi fondamentali. Il primo, la mia promessa ad Edoardo, con cui avevo un rapporto di amicizia autentica, fatto non solo di scambi e di regali sentiti, come il cofanetto di libri Sellerio che lui adorava. Una promessa nata quando mi pregò dicendo: “Se mai ti capitasse, racconta qualcosa di me”. Ma il vero scopo del libro è, soprattutto, rendere giustizia alla figura di Edoardo. Un personaggio malinteso anche dopo la sua morte così come non era stato compreso durante la sua breve vita. Quindici anni, dal giorno del suo ritorno in Italia dagli Stati Uniti, dove si era laureato, fino a quello dell’ultimo volo con destinazione paradiso, vissuti parallelamente e in maniera solidale al punto da provare la necessità irrefrenabile di raccontarlo per l’uomo che realmente era ed è stato. Oltre la siepe delle banalità e della superficialità di maniera. Lui con tutti suoi difetti perlopiù innocenti e carico di cose da donare, soprattutto ai fragili e ai dannati della Terra.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
agnelliavvocatoedoardoeredegianniintervistalibrosuicida
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Politica

Affari in rete


in vetrina
Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api

Il miele italiano sta scomparendo: il clima pazzo manda in crisi le api





motori
La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

La nuova CUPRA Formentor: l’evoluzione del successo nel segmento SUV coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.