A- A+
Cronache
False fatture nel calcio: chiesta la condanna di Galliani e De Laurentiis
Adriano Galliani e Aurelio De Laurentiis

Calcio: false fatture, chiesta condanna De Laurentiis (Napoli) e Galliani (ex Milan)

Dopo quasi dieci anni dall’inchiesta sulle false fatturazioni nel mondo del calcio e dopo quattro di dibattimento, i pubblici ministeri tenuto la loro requisitoria nel processo che si sta svolgendo davanti alla VII sezione del Tribunale di Napoli, con presidente Ciampaglia. Le richieste vanno da un anno per Aurelio De Laurentiis, a due anni e otto mesi per l’agente Alessandro Moggi, un anno e un mese per Adriano Galliani, all’epoca dei fatti ad del Milan.

 

I pm hanno anche chiesto l'assoluzione per gli altri imputati, tra cui il presidente della Lazio, Claudio Lotito, l’ex presidente della Fiorentina, Andrea Della Valle, i Percassi dell’Atalanta, e tutti i calciatori coinvolti.

I fatti risalgono al periodo che va dal 2009 al 2014 e molti sono ormai prescritti. Secondo la ricostruzione fatta in aula dall'accusa, Stefano Capuano e Danilo De Simone, che sono nel pool che indaga sui reati connessi con il mondo del calcio, le squadre, i calciatori e il loro procuratori avevano ideato un meccanismo per guadagnare in maniera illecita perché, secondo l'accusa, quando si stipulavano i contrati di compravendita, i procuratori diventavano consulenti dei club acquirenti e i calciatori risparmiavano consistenti somme di denaro che, grazie ad operazioni fittizie e false fatturazioni milionarie, venivano addebitate alle squadre.

 

Ad Aurelio De Laurentiis, dai pm Stefano Capuano e Danilo De Simone, viene imputata una fattura ritenuta falsa che avrebbe portato a un'evasione di 8 mila euro di Iva relativa all’acquisto del calciatore Emanuele Calaiò dal Siena nel 2013, calciatore che non è coinvolto nell'indagine. La Procura ha fatto comunque una premessa evidenziando, come in questo scenario, quasi tutte le società vanno ritenute vittime di un sistema distorto e organizzato a tavolino dai procuratori. Infatti, secondo questo sistema, l'agente, nel momento in cui stava concludendo la compravendita del suo assistito, figurava nella vesti di consulente della società. La società deduceva i suoi costi e detraeva l'Iva, e il giocatore in questione incassava al netto il suo ingaggio mentre il procuratore si prendeva la sua parte concludendo l'affare. La sentenza definitiva è attesa per il prossimo 2 febbraio 2023. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
adriano gallianialessandro moggiaurelio de laurentiiscalcioezequiel lavezzi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

Inverno pieno

Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio





motori
INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

INEOS Fusilier: il nuovo 4x4 a zero e basse emissioni

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.