A- A+
Cronache
Guerra delle capesante, Parigi sequestra peschereccio Uk. Londra alza la voce

Brexit, guerra delle capesante nella Manica: processo in Francia per il peschereccio britannico sequestrato per il pescato senza licenza

Sul canale della Manica si inasprisce la disputa tra Londra e Parigi all'interno cosidetta guerra delle capesante. Dopo il sequestro di un peschereccio britannico da parte dei gendarmi francesi, nella serata di giovedì Londra ha convocato al Foreign Office l'ambasciatore francese Catherine Colonna, a cui è stata consegnata una nota ufficiale di protesta.

Il conflitto riguarda il numero di licenze sulla pesca concesse da Londra ai pescatori francesi, senza le quali non possono muoversi nelle ricche acque britanniche, che secondo Parigi è eccessivamente ridotto, in violazione degli impegni assunti da Londra nell'ambito degli accordi post-Brexit. Londra contesta tali affermazioni asserendo che il 98% delle richieste dei pescatori Ue sono state accettate e che per il 2% restante è aperta a valutazioni. 

L'ultimatum francese

Il 27 ottobre l'amministrazione del presidente francese Macron ha annunciato misure di ritorsione dal 2 novembre  e l'inasprimento dei controlli dei pescherecci britannici se entro quella data il Regno Unito non rispetterà i patti sulle licenze. La prima raffica di sanzioni, ha precisato la Francia, riguarderà "controlli doganali e sanitari sistematici sui prodotti sbarcati in Francia, nonché il divieto di sbarcare prodotti del mare". Il portavoce ha evocato inoltre una risposta graduale, con una "possibile seconda serie di ritorsioni"; in particolare, "misure energetiche che riguardano la fornitura di corrente elettrica per le isole anglo-normanne", incluso Jersey. 

La replica di Londra: minacce deludenti 

"Le minacce della Francia sono deludenti e sproporzionate e non corrispondono a quanto potremmo aspettarci da un alleato e partner vicino", ha ribattuto un portavoce del governo britannico, citato in un tweet del segretario di Stato per l'attuazione della Brexit, David Frost. 

Al botta e risposta è seguito il fermo di due navi da pesca britanniche nel canale della Manica, per controlli. Una delle due è stata dirottata al porto di Le Havre da una pattuglia della gendarmeria. La prima solo multata per intralcio ai controlli.

Processo in Francia per il peschereccio inglese senza licenza

Il comandante del peschereccio britannico fatto sbarcare a Le Havre perché sospettato di aver pescato più di due tonnellate di prelibate "coquilles Saint-Jacques" senza licenza, dovrà comparire davanti al tribunale l'11 agosto dell'anno prossimo. Lo ha annunciato la procura della città portuale in un comunicato stampa. Sarà giudicato per "pesca marittima non autorizzata nelle acque francesi da parte di un'imbarcazione non Ue". Il comandante del peschereccio non aveva una licenza valida e ha pescato 2.160 kg di capesante nelle acque territoriali francesi. Rischia una multa di 75 mila euro e di incorrere in sanzioni amministrative. L'armatore del peschereccio scozzese si è difeso parlando di malinteso e di una manovra politica, nell'ambito della disputa fra Francia e Regno Unito sulle licenze di pesca nella Manica post-Brexit

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    capesantefranciaguerra delle capesanteregno unito
    in evidenza
    Milan-Spezia, Codacons insiste "Va ripetuta per due ragioni..."

    La richiesta alla Figc

    Milan-Spezia, Codacons insiste
    "Va ripetuta per due ragioni..."

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno si sveglia: neve aria fredda dalla Russia entro il weekend

    Meteo, inverno si sveglia: neve aria fredda dalla Russia entro il weekend





    casa, immobiliare
    motori
    Porsche svela la nuova Taycan Sport Turismo

    Porsche svela la nuova Taycan Sport Turismo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.