A- A+
Cronache
Il bavaglio alla Meloni e l'autogol di Renzi

"Abbiamo appreso dalla stampa dell'apertura di un procedimento disciplinare nei confronti di Marco De Giorgi, direttore di Unar, l'Ufficio nazionale contro le discriminazioni razziali. Il procedimento sarebbe stato avviato da Palazzo Chigi per sanzionare la lettera che De Giorgi, nell'esercizio delle proprie funzioni, aveva inviato all'on. Giorgia Meloni, invitandola a evitare toni e messaggi apertamente discriminatori  nelle sue esternazioni pubbliche. Va chiarito che il messaggio che l'Unar andava a censurare, pubblicato sulla bacheca Facebook della parlamentare, esortava a fermare il flusso migratorio dei popoli musulmani, in quanto portatori di cellule terroriste. La parlamentare argomentava che a lei non risultavano casi di terrorismo legati ad altre culture o provenienze geografiche. Il messaggio che Unar ha recapitato all'onorevole Meloni conteneva semplicemente l'invito a "volere considerare per il futuro, l’opportunità di trasmettere alla collettività messaggi di diverso tenore”.

La spropositata protesta della parlamentare, immediatamente ricevuta dal premier, ha fatto sì che fosse aperto un procedimento disciplinare nei confronti del direttore di Unar e su molti giornali è iniziata a circolare la notizia dell'imminente rimozione del funzionario pubblico. A noi tutta questa storia sembra sconcertante, nel metodo e nel merito. Innanzitutto, vogliamo trasmettere la nostra piena solidarietà al dottor De Giorgi, il cui compito, cioè tentare di contenere le derive razziste nel nostro Paese, è evidentemente molto più ostico di quanto ci immaginavamo, non solo perché l'Italia è un Paese razzista, ma anche perché chi la governa non lo riconosce nemmeno il razzismo, non ha il coraggio per denunciarlo e per responsabilizzarsene e soprattutto non perde occasione per esibire privilegi di casta, che a pieno appartengono al paradigma della cultura discriminatoria.

Nel merito ci teniamo a dire che troppo prudente ci era sembrato il richiamo dell'Unar all'onorevole Meloni, che esibiva non solo il più primitivo dei ragionamenti sulle migrazioni, incitando ad una spudorata discriminazione per credo religioso, ma anche argomenti che metterebbero in imbarazzo perfino gli studenti e le studentesse di una qualsiasi scuola media, che forse potrebbero raccontare all'onorevole Meloni e al premier Renzi fenomeni come la mafia oppure i nostri anni di piombo, quelli delle stragi, e passare in rassegna le convinzioni religiose di chi ha sterminato innocenti nel nostro Paese. A Meloni e Renzi bisognerebbe ricordare il pionierismo italiano in tema di malavita e strategie del terrore, il modo in cui questi sistemi ancora oggi si spartiscono il potere con la politica, l'abbondanza con cui li abbiamo esportati in tutto il mondo.

Siamo poi impalliditi nel vedere l'onorevole Meloni protestare imbavagliata denunciando un atto di "regime": la disinvoltura con cui una parlamentare della destra peggiore, leader di un partito in cui qualche militante sfoggia ancora il saluto romano, usa parole che dovrebbe stare in realtà molto attenta ad evitare, ci ha lasciati assolutamente interdetti. E oggi è con grande rabbia e incredulità che apprendiamo del modo in cui il premier avrebbe recepito questa protesta e deciso di sostenerla deformando a suo comodo la Costituzione e esercitando biecamente il potere. In un Paese che tutti i giorni, attraverso studi, statistiche e cronache, scopriamo essere sempre più razzista, omofobo, transfobico, sessista, in cui non esistono norme efficaci e strategie politiche  credibili contro crimini e parole d'odio, questa notizia è il più clamoroso autogol che il Governo avrebbe mai potuto fare. Per quanto questa storia ci sembra assurda e squallida, ci auguriamo di leggere nelle prossime ore l'opportuna smentita del premier".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
melonirenziautogolunar
in evidenza
Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

Come sarà il weekend

Ciclone al Sud, sole al Nord
Il meteo divide l'Italia in due

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





casa, immobiliare
motori
Pirelli: viaggiare sicuri e in regola d’inverno

Pirelli: viaggiare sicuri e in regola d’inverno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.