A- A+
Cronache
Intercettazioni, Lo Voi: "Bloccarle è come cancellare i reati dal codice"
Francesco Lo Voi (Lapresse)

Lo Voi attacca sulla stretta alle intercettazioni

"Siamo un Paese con un altissimo tasso di illegalità in cui le intercettazioni sono fondamentali per venire a capo non solo di reati di mafia e terrorismo, ma anche di quei reati 'spia' che della mafia rappresentano l’altra faccia, o una delle facce, e che sono quelli contro la pubblica amministrazione e quelli fiscali. Decidiamo, dunque. Se non vogliamo più sentirne parlare, dobbiamo avere il coraggio non di modificare le intercettazioni, ma di cancellare quei reati. E dire che non ne vogliamo più sapere perché ci disturbano". Così il Procuratore capo di Roma Francesco Lo Voi, intervistato da 'La Repubblica', interviene sul tema delle intercettazioni.

"La discussione sull’urgenza di modificare la disciplina delle intercettazioni e sul ruolo del pubblico ministero mi sembra lunare - sottolinea - Da due anni, esiste una legge, cui si è arrivati dopo lunga e faticosa discussione, che impone l’inserimento nel fascicolo del processo soltanto di quelle conversazioni intercettate ritenute dal pubblico ministero e da un giudice terzo, dunque non dalla polizia giudiziaria, penalmente rilevanti ai fini della prova. Oggi, tutte le conversazioni intercettate non rilevanti non vengono trascritte e rimangono custodite nel cosiddetto 'armadio giudiziario'".

"Il 50 per cento delle indagini di mafia prendono le mosse da indagini su reati di Pubblica amministrazione - avverte il Procuratore di Roma - Non solo in Sicilia. Qui nel Lazio, tanto per fare un esempio, i comuni di Anzio e Nettuno sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose partendo da indagini su appalti comunali. In quei comuni l’agire mafioso con la pubblica amministrazione non ha nulla di diverso, nel format, di quanto accadeva a Corleone o accade in altre parti del Paese".

"Penso che un’urgenza democratica sia consentire che l’opinione pubblica abbia contezza e conoscenza attraverso il contenuto di atti giudiziari ostensibili di come viene amministrata la giustizia penale e delle responsabilità contestate a chi è accusato di reati" prosegue Lo Voi, che sul tema della separazione delle carriere sottolinea: "Vuole sapere su 9 mila magistrati italiani quanti sono stati quelli che, nel 2022, hanno chiesto al Csm il passaggio dalla funzione requirente a quella giudicante e viceversa? Ventuno. Con tutti i problemi che abbiamo stiamo a discutere di 21 magistrati su 9 mila?".

"Mi sembra che additare i pubblici ministeri come i responsabili dei mali della giustizia italiana sia ingeneroso, indimostrabile, e soprattutto incoerente - afferma il Procuratore di Roma - perché non vedo alcuna coerenza complessiva delle istituzioni nel lanciare un allarme, per altro fondato, sul rischio che le organizzazioni criminali si preparino ad un assalto ai fondi del Pnrr e, contestualmente, aprire un processo ai pubblici ministeri e al principale strumento di indagine che sono le intercettazioni. È un modo di procedere in ordine sparso - conclude Lo Voi - che non giova e non gioverà a nessuno".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giustiziaintercettazionilo voi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità

Testamento, Raffaella Carrà senza figli: ecco a chi va la ricca eredità





motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.