A- A+
Cronache
La colpa della vittima non vale da sola a escludere responsabilità del custode

Responsabilità del custode, la Cassazione: "Basta il solo rapporto causale cosa-danno"

La responsabilità per danno da cose in custodia ex art. 2051 c.c. attiene a diverse fattispecie alcune delle quali riguardano la responsabilità dell’appaltatore, quella del condominio, del conduttore, del noleggiatore, degli enti locali, delle società di gestione di infrastrutture, di servizi e impianti, etc. Negli ultimi anni si sono succeduti molteplici interpretazioni giurisprudenziali sulla natura della responsabilità per danno da cose in custodia, diversamente riflesse sulla individuazione del soggetto passivo, sul contenuto dell’onere della prova a carico del danneggiato, sulla nozione di caso fortuito, sulla rilevanza del concorso colposo del danneggiato ex art. 1227, comma 1, c.c.

Con sentenza, a sezioni unite, la Cassazione (Cass. 30 giugno 2022 n. 20943) è tornata ad affermare un principio chiaro: la natura giuridica della responsabilità ex art. 2051 c.c. ha carattere oggettivo e non presunto e per la sua configurazione è bastevole la dimostrazione, da parte del danneggiato, del nesso causale intercorrente tra la cosa in custodia e il danno prodotto. Compete, invece, al custode l’onere di dimostrare, con effetto per lui liberatorio della responsabilità, che il danno è dipeso unicamente da un fatto naturale, del terzo o del danneggiato, contraddistinto da imprevedibilità ed inevitabilità (c.d., prova del fortuito). Nella indagine a cui il giudice di merito è tenuto ai fini dell’accertamento della responsabilità non assume alcuna rilevanza la condotta del custode e l’osservanza da parte sua di uno specifico obbligo di vigilanza.

L’Ordinanza in commento (Cass., ord. 19 dicembre 2022, n. 37059) – emessa, tra l’altro, a conclusione di un giudizio patrocinato dal nostro Studio – si pone nel solco del nuovo indirizzo giurisprudenziale chiaramente espresso dalla Cassazione a Sezioni Unite, delineando, ulteriormente, gli aspetti fondanti della responsabilità nel caso di caduta accidentale. Nello specifico, la Cassazione ha cassato (con rinvio) la sentenza della Corte di Appello di Milano che, in riforma di quella di primo grado, aveva negato la tutela risarcitoria ex art. 2051 c.c. sul presupposto che la caduta fosse imputabile alla colpevole distrazione del danneggiato (caduto accidentalmente in una buca che, a detta del giudice del gravame, era visibile e posta per altro nell’ambito di un complesso residenziale abitualmente percorso dalla vittima).

La Cassazione, invece, ribadisce a chiare note che la responsabilità ex art. 2051 c.c. discende dall’accertamento del solo rapporto causale tra cosa e danno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
colpacustoderesponsabilitàvittima
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici





motori
Renault Nuovo Captur ordinabile in Italia dal 16 aprile a partire da € 22.550

Renault Nuovo Captur ordinabile in Italia dal 16 aprile a partire da € 22.550

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.