A- A+
Cronache
Genova, "Ucciso e mutilato perché voleva lasciare il lavoro". La confessione
Mahmoud Abdalla

Ragazzo ritrovato in mare senza testa 

Mahmoud Abdalla, il giovane egiziano di 19 anni il cui corpo mutilato è stato trovato in mare davanti a Santa Margherita Ligure il 24 luglio scorso, è stato ucciso dopo una lite con il suo datore di lavoro scatenata dal fatto che il ragazzo voleva lasciare il negozio di barbiere di Chiavari per lavorare in un altro esercizio commerciale.

Lo hanno confessato i due ragazzi fermati per omicidio volontario aggravato e soppressione di cadavere, Abdelwahab Ahmed Gamal Kamel, detto Bob, egiziano di 26 anni residente a Genova e Mohamed Ali Abdelghani Ali, detto Tito, egiziano di 27 anni residente a Chiavari. 

LEGGI ANCHE: Omicidio Sofia, Zakaria l'aspettava nell'armadio: "Pensava fosse con un altro"

Prima l'hanno ucciso a coltellate spaccandogli il cuore in casa poi hanno messo il cadavere in una valigia e dopo averlo trasportato da Genova a Chiavari in taxi hanno smembrato il cadavere di Mahmoud Abdalla in spiaggia tagliando prima la testa e poi le mani. Subito dopo hanno gettato i resti in mare. Durante i rispettivi interrogatori Ahmed 'Bob' Abdelwahab e Mohamed Ali 'Tito' Abdelghani si sono accusati l'un l'altro dello smembramento del cadavere. 

Come scrive l'Ansa è stato lo stesso tassista a confermare di aver iniziato la propria corsa a Genova, in zona Sestri Ponente e che erano saliti a bordo due ragazzi con due valige di cui una di grosse dimensioni particolarmente pesante. Così pesante che lo stesso tassista aveva invitato i due clienti a metterla nel bagagliaio. L'uomo non ha riconosciuto le foto di Abdelwahab e di Abdelghani ma l'individuazione del suo taxi è avvenuta in sede d'indagine con certezza e il testimone ha riconosciuto il punto in via Vado in cui ha recuperato i due, ovvero davanti a civico 40 dove vive Ahmed Abdelwahab. 

Confessano i due indagati 

Stando a quanto apprende l'AGI, quando gli inquirenti nell'interrogatorio di ieri hanno fatto notare ai due gestori di una catena di negozi di parrucchieri che erano stati ripresi mentre prendevano insieme un taxi domenica pomeriggio, hanno ammesso quanto accaduto, pur non concordando tra loro in alcuni punti della ricostruzione.

Il racconto di Kamel Abdelwhab detto 'Bob' e di Mohamed Abdelghani detto 'Tito' e' particolarmente crudo e non coincide in qualche passaggio. Bob ha spiegato che Tito avrebbe litigato con Abdalla e gli avrebbe inferto varie coltellate e che lui si sarebbe frapposto, ma poi si sarebbe spostato per non ricevere un fendente. Bob Ha aggiunto che Tito, dopo avere ucciso Abdalla, avrebbe poi minacciato di morte lui e i suoi familiari, inducendolo cosi' a non dire nulla e costringendolo ad aiutarlo per portare via il corpo in una valigia di grosse dimensioni di colore scuro, che entrambi hanno caricato su un taxi insieme alla valigia grigia con gli effetti personali di Abdalla.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lavoro
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria





motori
Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.