A- A+
Cronache
Nuovo studio sulle e-cig: "Non aiutano a smettere di fumare"

Uno studio americano smonta il mito del fumo elettronico: "Le e-cig non aiutano a smettere di fumare". Caos anche sul liquido delle ricariche: "E' altamente tossico, basta un cucchiaino per uccidere un bimbo".

LO STUDIO AMERICANO - Le sigarette elettroniche, protagoniste di un rapido boom negli ultimi anni così come di altrettante polemiche con i tabaccai tradizionali e lo Stato in materia di tassazione, aiutano davvero a smettere di fumare? Per cercare di dare una risposta a questa domanda i ricercatori dell’Università della California a San Francisco (UCSF) hanno condotto uno studio coinvolgendo 949 fumatori, di cui 88 che al basale (ossia all’inizio dello studio) utilizzavano le sigarette elettroniche. La dottoressa Rachel A. Grana, a capo della ricerca, e i colleghi dell’UCSF hanno valutato l’impatto dell’utilizzo delle sigarette elettroniche dopo un anno, per vedere se le persone che le usavano riuscivano o erano riuscite effettivamente a ridurre il fumo o smettere di fumare. I risultati dello studio, pubblicati sul JAMA Internal Medicine, non faranno piacere a produttori e distributori delle bionde elettroniche. Secondo i ricercatori solo un basso numero di partecipanti che utilizzavano le sigarette elettroniche ha limitato la propria capacità di individuare un’associazione tra l’uso di e-cig e lo smettere di fumare. "I nostri dati si aggiungono alle prove correnti che le e-Cig non possono far aumentare i tassi di cessazione del fumo", scrivono. "I regolamenti dovrebbero vietare la pubblicità che afferma o suggerisce che le sigarette elettroniche sono dispositivi efficaci per smettere di fumare, fino a che queste affermazioni non siano supportate da prove scientifiche". Insomma, secondo gli studiosi le prove a sostegno della tesi che le e-cig aiutino a smettere sono contraddittorie e inconcludenti".

"LIQUIDO VELENOSO" - Non è tutto. Un altro polverone si è alzato a proposito dei liquidi della ricarica, in seguito ai dati riportati dal New York Times sono a dir poco allarmanti, secondo il quale molti medici e tossicologi, hanno confermato che basta un cucchiaino del liquido per l’uso delle sigarette elettroniche per uccidere un bambino piccolo. Lee Cantrell, direttore della divisione di San Diego del Sistema di Controllo dei Veleni in California, ha rilasciato dichiarazioni sulla pericolosità del liquido. “E’ una tra le più potenti tossine naturali che abbiamo”, conferma Cantrell, “è onnipresente nella società. Non si tratta di ‘se’ un bambino sarà seriamente avvelenato o ucciso. Si tratta di ‘quando’ ciò avverrà.”

Tags:
sigarette elettronichefumo
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.