A- A+
Cronache
Don Luca Favarin sospeso "a divinis". Non potrà più celebrare la messa

Padova sotto choc


E' stato consegnato a don Luca Favarin, il cosiddetto "prete dei migranti", il decreto di sospensione a divinis, con effetto immediato. Il commento su Facebook di Faravin: "Tutto questo senza che una volta, una sola volta in 20 anni, l’istituzione ecclesiastica sia venuta in comunità". Tale disposizione, si legge in una nota della diocesi di Padova, “è la naturale conseguenza della richiesta – presentata dallo stesso don Luca Favarin, il 13 dicembre 2022 – di essere esonerato dai compiti legati al ministero presbiterale e di avviare il procedimento di dispensa dal ministero ordinato. Tale provvedimento, che risponde al can. 1333 comma 1 del Codice di Diritto Canonico, prevede che don Luca non possa d’ora in avanti celebrare l’Eucaristia e gli altri sacramenti e sacramentali”. A fronte di questa notizia, si legge su www.agensir.it, “che rappresenta motivo di tristezza e dispiacere per il vescovo Claudio Cipolla e per la Chiesa di Padova, è necessario precisare e ribadire alcuni aspetti per evitare fraintendimenti e comunicazioni imprecise”, prosegue la nota della curia.

“Nei confronti di don Luca Favarin non c’è alcun atteggiamento di avversione, ma al contrario rispetto e apprezzamento per il suo impegno sociale e per l’attenzione, dimostrata in tutti questi anni, verso le persone più povere e fragili. La richiesta di dispensa è stata presentata da don Luca Favarin lo scorso 13 dicembre 2022. La sospensione a divinis è atto necessario e conseguente alla richiesta di dispensa dal ministero ordinato. La modalità operativa di agire in campo sociale di don Luca Favarin e la sua decisione di esonero dal ministero ordinato sono due questioni nettamente distinte e come tali vanno considerate”.

Per quanto riguarda l’agire in campo sociale, le iniziative del sacerdote, si legge ancora nella nota della diocesi, “per quanto pregevoli, sono personali e non pensate, condivise né maturate insieme alla Chiesa di Padova” che sul fronte dell’accoglienza dei migranti ha scelto di non porsi come “gestore” diretto delle accoglienze, ma di affidarsi a “cooperative sociali qualificate, esperte su questo settore, concordi nel collaborare con i volontari e nell’inserimento degli ospiti anche in attività di pubblica utilità” e con lo stile delle “microaccoglienze diffuse”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
luca faravin prete dei migranti sospeso
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid





motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.