A- A+
Cronache
M5s, dopo la Trenta tocca a Tofalo. Casa abusiva, l'aeronautica lo sfratta

M5s, dopo la Trenta tocca a Tofalo. Casa abusiva, l'aeronautica lo sfratta

Il M5s è ancora impegnato in una guerra interna. Con Giuseppe Conte alle prese con il nuovo Statuto del partito che verrà, in mezzo alle controversie con Davide Casaleggio che non intende fare un passo indietro sulla piattaforma Rousseau e con i casi degli ex grillini espulsi che minacciano ricorsi ai tribunali. In più si è aggiunta la vicenda Nicola Morra, il presidente dell'Antimafia protagonista di una sfuriata alla Asl di Cosenza per la questione vaccini, con tanto di denuncia per "abuso di potere". Alla lista dei problemi - si legge sul Corriere della Sera - si aggiunge anche quello relativo all'appartamento in affitto dell'ex sottosegretario alla Difesa, Angelo Tofalo. La questione è molto simile a quella della ex ministra Elisabetta Trenta, che al termine del suo mandato voleva comunque restare nell’alloggio di servizio, con tanto di polemiche e poi invito esplicito a fare le valigie.

Stessa sorte per Tofalo - prosegue la Stampa - invitato tramite una lettera dell'Aeronautica a lasciare l'appartamento in questione. Tofalo non è più sottosegretario da un mese, ma continua a vivere in quell'alloggio. Ma sono cambiate le condizioni e proprio perché si trattava di un’eccezione ci si aspettava che nel giro di pochi giorni sarebbe stato organizzato il trasloco. Non è accaduto e lo Stato maggiore ha deciso di avviare la procedura comunicando con una lettera i termini per la riconsegna dell’appartamento. I 90 giorni dopo i quali scatta lo «sfratto » scadono il 16 maggio.

 

 

 

 

Le parole della Trenta sulla casa abusiva

"Il mio caso e quello di Tofalo si somigliano molto per esser basati sul nulla. All'ex sottosegretario alla Difesa hanno detto di lasciare l'alloggio entro 30 giorni, ed è passato ora un mese. Non capisco davvero come un giornale nazionale così importante ritenga di dover dare questa notizia che, quantomeno, è assai prematura". Queste le parole all'Adnkronos dell'ex ministro della Difesa nel Governo Conte Elisabetta Trenta, commentando un articolo pubblicato sul Corriere della Sera secondo cui Angelo Tofalo non avrebbe ancora liberato l'alloggio nel palazzo dell'Aeronautica, a Roma, ottenuto quando era sottosegretario alla Difesa.

"Bisogna sempre chiedersi il perché delle cose - ha aggiunto la Trenta - e prima o poi lo scopriremo. Sarà forse perché siamo dei 5 stelle? Così come lo era Morra e che ora è stato ricoperto dal fango? Qual è lo scopo di tutto ciò? Mi rattrista molto come cittadina e sono sicura che Tofalo si difenderà da ogni attacco"

 

Commenti
    Tags:
    m5selisabetta trentacasa marito ministra trentacasa trenta m5scasa tofalosottosegretario tofalo
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Covid, tranquilli finirà tutto Mi raccomando vacciniamoci…

    Costume

    Covid, tranquilli finirà tutto
    Mi raccomando vacciniamoci…

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."

    Diletta Leotta: "Matrimonio con Can Yaman? Non è saltato e..."





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 508 Sport Engineered, ruggito e sostenibilità in un’unica auto

    Peugeot 508 Sport Engineered, ruggito e sostenibilità in un’unica auto


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.