A- A+
Cronache
Manovra di bilancio? PIU' Partite Iva Unite: stop al blocco dei licenziamenti

Stop al blocco dei licenziamenti, si preveda invece nella manovra di bilancio all'esame del governo una premialità per quelle aziende che intendono proseguire le attività evitando di chiudere per sempre i cancelli per fallimento. E' questa la proposta di PIU' Partite Iva Unite, un movimento di imprenditori e liberi professionisti che, nell'era Covid, sta esaminando i diversi provvedimenti del governo adottati fino adesso per fronteggiare la crisi economica. 

“Il sistema sarebbe quello attuale, introdotto con il DL n. 104/2020: “costo zero” per le aziende con calo del fatturato superiore al 20% e contributo aggiuntivo del 9% o 18% per chi dovesse avere subito un calo fino al 20% o non dovesse averlo subito affatto. Il “costo zero” però non esiste", spiega Antonio Gigliotti, segretario nazionale dell'organismo. "L’azienda che ha i lavoratori in sospensione a zero ore, deve accollarsi comunque il costo di maturazione del Tfr che resta a carico del datore di lavoro e anche il costo amministrativo dei rapporti di lavoro in merito alla elaborazione dei cedolini paga, gestione degli ammortizzatori sociali, maturazione mensile del ticket licenziamento per chi avesse una anzianità lavorativa inferiore a tre anni”.

Per PIÙ Partite Iva Unite, andrebbero assunti provvedimenti chiari, ascoltando le esigenze e le istanze che arrivano da imprenditori e tecnici, alla luce della constatazione che sono costretti a subire decisioni sbagliate e non idonee per la ripresa dell’economia e del paese. "Proponiamo con forza l’immediato stop al blocco dei licenziamenti. La nostra idea è di spingere su politiche attive e su un vero aiuto per le aziende che assumono. Questa è la strada per creare nuova occupazione e tutelare le imprese ed i lavoratori che stanno vivendo questa epocale crisi”, commenta Gigliotti.

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    occupazioneimpreseivapartite

    in evidenza
    Album di famiglia

    Politica

    Album di famiglia

    
    in vetrina
    Fedegroup, lanciata la campagna di recruitment per più di 200 posti di lavoro

    Fedegroup, lanciata la campagna di recruitment per più di 200 posti di lavoro





    motori
    Renault Clio, 33 anni di carriera pubblicitaria

    Renault Clio, 33 anni di carriera pubblicitaria

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.