A- A+
Cronache
"Matteo era in Calabria, ora è tornato". Messina Denaro, anche la 'ndrangheta

Mafia, Matteo Messina Denaro e la copertura della 'ndrangheta

Matteo Messina Denaro è ormai in carcere in regime di 41 bis da qualche mese, ma sulla lunghissima latitanza del boss della mafia in realtà si conosce ancora troppo poco. Emergono nuovi dettagli, frutto delle intercettazioni telefoniche, che fanno venire alla luce una realtà totalmente diversa da quella raccontata fino ad ora. Matteo Messina Denaro non era coperto solo dalla mafia, ma anche dalla 'ndrangheta. Il 3 settembre del 2016 due mafiosi trapanesi, - si legge sul Corriere della Sera - non sapendo di essere intercettati, si scambiano delle confidenze. "Dice che Matteo era in Calabria ed è tornato…" svela all’amico, abbassando il tono della voce, il boss Nicola Accardo. E Matteo per gli inquirenti non può che essere l’allora ricercato Messina Denaro. Una pista, quella calabrese, che torna d’attualità perché le indagini che tentano di ricostruire le tappe della trentennale latitanza del boss portano proprio oltre lo Stretto.

Il padrino di Castelvetrano, - prosegue il Corriere - prima di trasferirsi a Campobello di Mazara, si sarebbe nascosto tra Cosenza e Lamezia Terme. Gli anni calabresi, però, sarebbero stati assai diversi da quelli trascorsi in provincia di Trapani, dove il capomafia è riuscito a vivere un’esistenza agiata e quasi normale. E piuttosto ricorderebbero le "difficili" latitanze di boss storici come Bernardo Provenzano, in modesti casolari di campagna. A proteggere Messina Denaro sarebbero state le ‘ndrine locali con le quali il boss avrebbe anche consolidato antichi rapporti d’affari come il traffico di droga e progettato la realizzazione di un villaggio turistico e di impianti eolici.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matteo messina denaro
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo





motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.