A- A+
Cronache
Messina Denaro: “Voglio le terapie migliori per il mio cancro”

Matteo Messina Denaro in carcere: “Voglio le terapie migliori per il cancro”

“Non ho ricevuto una educazione culturale ma ho letto centinaia di libri, sono quindi informato sulle cure, vi prego di poter essere trattato con farmaci e terapie migliori”; una preghiera, anzi, una vera e propria supplica, che stride sempre di più con l’immagine di – ex – super latitante. Perchè Matteo Messina Denaro, ultimo dei Corleonesi, ora si rivolge allo Stato non più per fargli guerra, come negli ultimi trent’anni, ma per chiedergli aiuto. Lo avrebbe ripetuto più volte questo pensiero, con toni pacati e cordiali, riporta l’Ansa, ai medici e al personale penitenziario del carcere di massima sicurezza dell'Aquila, nel quale è rinchiuso da oltre una settimana in regime di 41bis.

Sia chiaro: Messina Denaro ha tutto il diritto di essere curato, senza se e senza ma, come accade in ogni Paese civile che si rispetti. Tuttavia non si può fare a meno di notare la pretenziosità nei confronti di chi ha cercato di abbattere.

 Il boss ha chiesto “cure speciali, che ci sono solo in Israele” per il tumore al colon, che dice di conoscere, così come sostiene di conoscere le caratteristiche dei farmaci che gli vengono somministrati, compresi gli effetti collaterali.

‘U Siccu, nel frattempo, ha superato i postumi della prima chemio di mantenimento sostenuta nell’ambulatorio ad hoc allestito accanto alla sua cella. Avrebbe avuto solo qualche problema gastrointestinale, che non gli impedirebbero di affrontare la seconda seduta nelle prossime settimane. I medici che lo hanno in cura, quelli dell'equipe guidata dal professor Luciano Mutti, primario oncologo dell'ospedale aquilano, lo avrebbero rassicurato che si stanno seguendo procedure all'avanguardia come da protocolli internazionali.

Matteo Messina Denaro chiede “cure speciali” contro il cancro. Proseguono le perquisizioni

Per il resto attorno al boss di cosa nostra regna il silenzio. Il silenzio dei parenti e della nipote, che ha scelto per farsi difendere; il suo silenzio, visto che Messina Denaro deve scontare anche tre anni di isolamento diurno e ha parlato "solo" con la psicologa del carcere. Proseguono, intanto, le indagini sui - molteplici - covi - del boss: diversi immobili sono stati perquisiti approfonditamente anche con l’uso del georadar che può individuare stanze o locali nascosti. Durante le perquisizioni, oltre ai telefoni cellulari, pare sia stato rinvenuto anche un computer, un portatile che adesso gli investigatori stanno analizzando. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bosscancrocuremessina denarostatoterapia
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

Che show a Belve!

Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.