A- A+
Cronache
Messina Denaro: "Non ho ordinato io di scioglierlo nell'acido, è stato Brusca"
Matteo Messina Denaro

Messina Denaro parla al pm e racconta il sequestro Di Matteo

Matteo Messina Denaro rompe il silenzio e comincia a raccontare qualcosa. Piccole ammissioni che però aiutano a ricostruire uno dei più efferati crimini di Cosa nostra, il rapimento e lo scioglimento nell'acido del piccolo Giuseppe Di Matteo, per vendetta nei confronti del padre collaboratore di giustizia. Il boss - legge sul Fatto Quotidiano - avrebbe tentato di smarcarsi dal più odioso dei crimini che gli vengono attribuiti. Davanti al gip Alfredo Montalto, che lo interrogava, il boss ha scaricato tutto su Giovanni Brusca, da poco libero dopo 25 anni di carcere. Fu lui, ha detto, a dare quell’ordine. Giuseppe Di Matteo venne rapito, in un maneggio di Villabate, il 23 novembre 1993. Aveva solo 12 anni. I rapitori gli chiesero di seguirli per portarlo dal padre Santino, che non vedeva da tempo.

La mafia voleva indurre il padre Santino Di Matteo a ritrattare le sue rivelazioni. La prima masseria nella quale fu portato, incappucciato e chiuso nel bagagliaio di un'auto, - prosegue il Fatto - si trovava a Campobello di Mazara, il paese dell'ultimo covo di Messina Denaro. Il ragazzino trascorse qui un periodo nella casa di campagna di Giuseppe Costa, fedelissimo del boss. Il calvario si concluse in un casolare-bunker nelle campagne di San Giuseppe Jato l’11 gennaio 1996 quando Brusca ordinò di farla finita. Di Giuseppe Di Matteo non è rimasta neppure una traccia. Ma la sua memoria, che in questi anni non si è mai affievolita, verrà rinnovata con l’intitolazione a Castelvetrano della scuola elementare che Messina Denaro frequentò.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matteo messina denaro
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo

Cronache

Palla di fuoco verde attraversa il cielo fra Spagna e Portogallo


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire





motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.