A- A+
Cronache
Morto Gianni Minà a 84 anni, un gigante del giornalismo: "Scrivevo a Castro"

Morto Gianni Minà, indimenticabile la sua intervista a Maradona

Una vita per il giornalismo fra cronaca, esteri, sport. Ma anche libri, tv, come scrittore e conduttore televisivo: Gianni Minà nato a Torino il 17 maggio 1938 e deceduto a Roma, stroncato da una malattia cardiaca, aveva 84 anni. Ha segnato un'epoca nel settore dimostrando un talento poliedrico non comune nel trattare diversi tipi di argomenti e tutti con grande estro. Come giornalista ha collaborato con quotidiani e settimanali italiani e stranieri, realizzato reportage per la Rai, ideato e condotto programmi televisivi. Famosi docu-film su personaggi emblematici del 900 portano la sua firma. Fra questi ricordiamo quelli su Che Guevara, Muhammad Ali, Fidel Castro, Silvia Baraldini, Rigoberta Menchù, Diego Armando Maradona, il sub comandante Marcos. In particolare, è stato editore e direttore della rivista Latinoamerica e tutti i sud del mondo dal 2000 al 2015 e direttore della collana di Sperling & Kupfer Continente desaparecido.

Da giornalista sportivo, ha seguito ben otto mondiali di calcio, decine di campionati mondiali di pugilato, in particolare quelli dell'epoca di Muhammad Alì. Non solo calcio ma anche musica: appassionato di jazz ha realizzato una Storia per questo genere musicale, in quattro puntate. E per la tv, è stato fra i fondatori de l'Altra Domenica, il notissimo programma con Maurizio Maurizio Barendson e Renzo Arbore. Assunto in Rai nel 1976, ha incominciato a raccontare la grande boxe e l'America dello show-business, ma anche i conflitti sociali delle minoranze. Da quel momento in poi sono iniziati i grandi reportage sull'America Latina. Nel 1978, mentre seguiva i campionati del mondo di calcio, fu espulso dall'Argentina per aver fatto domande sui desaparecidos al capitano di vascello Carlos Alberto Lacoste. Ha collaborato con Mixer di Gianni Minoli, ha condotto Blitz facendo intervenire fra gli altri Federico Fellini, Eduardo De Filippo, Muhammad Ali, Robert De Niro, Jane Fonda, Betty Faria, Gabriel García Márquez, Enzo Ferrari, Fabrizio De André e Giorgio Gaber. Amava raccontarsi così: "Scrivevo a Castro ed ero nemico della Cia".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gianni minà
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO





motori
Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.