A- A+
Cronache
Natisone, soccorsi sotto accusa : "Ragazzi vivi con un’azione immediata”

Natisone, 'se soccorsi in tempo i ragazzi sarebbero vivi' 

"Se i soccorsi fossero partiti tempestivamente, ovvero nel momento in cui la povera Patrizia li ha richiesti, oggi i ragazzi sarebbero vivi e a casa con i loro genitori". Con queste parole, Gaetano Laghi, legale della famiglia di Cristian Molnar, il 25enne disperso da venerdì scorso nella zona del fiume Natisone, punta il dito contro i soccorsi. Lo ha fatto rilanciando diverse interviste e dichiarando che “dopo aver fatto anche un sopralluogo nella località della tragedia, mi colpisce molto la sottovalutazione della situazione iniziale", ha incalzato il legale.

LEGGI ANCHE: Natisone, un telefono va ancora. L'ultimo tentativo di salvataggio: video

Il fratello di Cristian, è vivo, non sospendete le ricerche

"Mio fratello è vivo e semplicemente non chiede nulla, vuole solo che lo ritrovino il più presto possibile, i soccorsi devono andare avanti fino a quando non lo ritrovano, devono continuare oltre domenica, fino a quando non ritrovano mio fratello, assolutamente". Sono le parole di Radu Petru, il fratello di Cristian Molnar. Radu Petru è sempre rimasto accanto ai soccorritori e oggi per la prima volta ha accettato di lanciare un appello, dai microfoni della Rai.

“Mi sembrano ricerche molto teatrali – ha detto -. Chiederò al mio avvocato Gaetano Longhi di farsi consegnare subito i video girati dai droni perché conosco mio fratello meglio di chiunque altro e potrei scorgere anche un suo minuscolo dettaglio e aiutare a salvarlo. È il mio unico fratello, il mio orgoglio”.



Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream





motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.