A- A+
Cronache
neonati 400

Ormai erano convinti di essere riusciti a diventare genitori, ma alla fine quel bimbo che avevano tanto cercato gli è stato tolto. Erano andati a Kiev, in Ucraina, per far nascere un loro figlio con la tecnica dell'utero in affitto, ma una volta in Italia qualcuno ha segnalato alla procura che la signora non era mai rimasta incinta, attivando la procedura che prevede di affidare ai servizi sociali il bimbo, e la denuncia per alterazione di Stato. E' la vicenda di una coppia di Cremona, attualmente sotto processo, la cui prima udienza si e' tenuta il 22 ottobre scorso, e la prossima si avra' il 14 gennaio.

Tra l'altro per l'intera operazione la coppia ha pagato complessivamente 30mila euro ad una societa' specializzata per far nascere il loro figlio. Il bimbo venne iscritto all'anagrafe di Kiev come figlio della coppia, così come prevede la legge ucraina, e poi fu portato in Italia. Intanto, come ha rilevato l'avvocato Cecilia Rizzica di Roma, legale dei genitori con il collega Giovanni Passoni, l'ambasciata ucraina chiedeva all'Ufficio anagrafe del Comune di residenza della coppia di trascrivere il certificato di nascita.

I problemi sono cominciati quando qualcuno ha segnalato alla procura che la donna non era mai rimasta incinta. L'esame del dna ha riconosciuto che il seme non è del papà. Per l'avvocato Rizzica, bisogna sollevare il caso a livello politico, perché la 'maternità surrogata' è riconosciuta in diversi Paesi.

Tags:
uteroaffitto
in evidenza
Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

Comscore

Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica

Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.