A- A+
Cronache
Naufragio sul Lago Maggiore, lo skipper patteggia 4 anni di carcere
Tromba d'aria sul lago Maggiore, si ribalta barca di turisti: tre morti

Lo skipper Carminati patteggia quattro anni di carcere

Una tragedia ha scosso il tranquillo contesto del lago Maggiore lo scorso 29 maggio 2023, quando una imbarcazione, comandata da Claudio Carminati, è affondata nelle acque al largo di Lisanza, in provincia di Varese, a causa di condizioni meteorologiche avverse. L'incidente ha portato alla perdita di quattro vite, inclusa quella della moglie del comandante, Anya Bozhkova. Le indagini si sono concluse con un accordo di patteggiamento tra la difesa di Carminati e la Procura, che ha visto lo skipper condannato a una pena di quattro anni di carcere per naufragio colposo e omicidio colposo.

LEGGI ANCHE: Strage Lago Maggiore, era uno scambio di file tra 007 italiani e del Mossad

Il naufragio e le vittime

Quel tragico giorno di maggio, un violento 'downburst' ha sorpreso la 'Gooduria', causandone l'inabissamento a 16 metri di profondità. Tra le vittime, oltre a Bozhkova, vi erano Claudio Alonzi, Tiziana Barnobi e Shimoni Erez, agenti dei servizi segreti italiani e israeliani, rappresentando così una perdita significativa per le comunità di intelligence di entrambi i paesi. Carminati, che ha perso non solo sua moglie ma anche casa e lavoro a seguito dell'evento, è stato asseritamente ignaro delle identità e delle professioni dei passeggeri coinvolti.

Le conseguenze per Carminati

A seguito dell'accordo di patteggiamento, Carminati è stato condannato a una pena ridotta, come previsto dal rito. Purtroppo, le conseguenze personali ed economiche per l'uomo sono state drammatiche: ha perso la propria abitazione e il lavoro, trovando sostegno unicamente attraverso l'assistenza di amici, che lo hanno aiutato economicamente e offerto un posto dove vivere. Attualmente, Carminati risiede in un campeggio sul fiume Ticino.

L'inchiesta e le testimonianze

L'inchiesta condotta dalla Procura di Busto Arsizio ha chiarito le circostanze dell'accaduto, rivelando che gli agenti italiani e israeliani avevano preso parte a quella che sembrava una normale gita sul lago. I sopravvissuti, interpellati dai magistrati, hanno confermato di essere funzionari della Presidenza del Consiglio e di una delegazione governativa israeliana. Tuttavia, l'indagine si è focalizzata esclusivamente sulla responsabilità di Carminati nell'incidente, evitando di indagare le ragioni dietro l'incontro dei servizi segreti. Si ipotizza che l'evento potesse essere una sorta di commiato.

La sentenza pronunciata segna la conclusione legale di una vicenda che ha avuto profonde ripercussioni personali per i coinvolti e ha lasciato un segno indelebile nella comunità di Lisanza e nei servizi di intelligence coinvolti. La tragedia del lago Maggiore rimarrà nella memoria come un tragico promemoria delle imprevedibili forze della natura e delle complesse dinamiche umane che spesso si celano dietro eventi apparenza ordinari.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti

Aeroporto Berlusconi, il web si scatena. Ecco i meme e le reazioni più divertenti





motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.