A- A+
Cronache
‘Ndrangheta, mani su hotel ligure. “Ho la mafia sotto casa, anzi dentro"

Prima le estorsioni poi l’usura, fino a comprare tutte le quote societarie dell’hotel: era così che il clan ‘ndranghetista di Desio (in Brianza) metteva le mani sul turismo, in particolare sull’hotel del Golfo a Finale Ligure. La ricostruzione della vicenda è contenuta nell’ordinanza in cui il gip di Milano, Guido Salvini, ha disposto l’arresto di Alfonso Pio (figlio di Domenico Pio, considerato il capo clan della locale della cittadina brianzola, già coinvolto nella maxi operazione Crimine Infinito), rampollo che puntava ad allargare i confini. Ad essere arrestati anche gli emissari Ezio Scirea, ex promotore della Banca Mediolanum, e Omar Petrocca, insieme a Francis Kelemen, rumeno. Anche in Romania, infatti gli interessi dalle famiglia di ‘Ndrangheta si allargavano per riciclare i proventi delle scommesse online, ed è proprio da un’indagine per frode fiscale nel paese dell’Est Europeo che questa operazione prende le mosse.

La vicenda dell’Hotel del Golfo comincia con un’estorsione da 450 euro al mese, riscattata proprio da Alfonso Pio, che in uno degli episodi più importanti intercettati dagli investigatori della polizia postale si adira perché, arrivato nell’hotel del Ponente Ligure, alla reception gli vengono chiesti i documenti: “Ma lei come si permette? Lei sa che le quote qua sono mie? Lei come si permette di chiedere i documenti?” minaccia l’impiegata. Il boss aggiunge che “prenderà provvedimenti e che basterà un giorno solo per far capire al personale come far funzionare le cose”, perché è convinto di poter essere la persona giusta per risollevare le sorti dell’albergo”. 

Approfittando della crisi economica che ha colpito la struttura, la famiglia tentava infatti di inserirsi nell’amministrazione, minacciando uno dei soci per non farlo presenziare alle riunioni e far cadere così il numero legale, per poi offrire un prestito, da restituire con le quote societarie stesse. Il minacciato ammette, al telefono, di non poter fare altro che sottostare alle pressione e di assentarsi così dalle riunioni amministrative: “Non posso venire, tengo famiglia”.

Le intercettazioni, dimostrano, a detta del giudice “l’ingerenza nell’attività, il potere di licenziamento o la capacità di disporre ordini ai dipendenti e dunque la supremazia nello svolgimento dell’attività quotidiana” da parte della mafia nell’albergo. E’ eloquente allora uno sfogo telefonico di uno dei soci che si sente pressato da Pio e che si dimostra preoccupato di avere a che fare “con gente pericolosa”: “Quando verranno a chiedermi della bancarotta, dirò che avevo i mafiosi alle spalle che mi premevano”...e ancora: “Mi sento minacciato, a me la famiglia”, “non voglio avere il mafioso sotto casa”...”qui addirittura dentro casa”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    ndranghetahotel ligurefinale ligurehotel finale ligurealfonso piohotel del golfohotel del golfo finale ligure
    Loading...
    in evidenza
    Lucia Azzolina, un po' di relax Ministra paparazzata in bikini

    LE FOTO AL MARE

    Lucia Azzolina, un po' di relax
    Ministra paparazzata in bikini

    i più visti
    in vetrina
    GEORGINA RODRIGUEZ, costume leopardato. Lady Ronaldo esplosiva. LE FOTO

    GEORGINA RODRIGUEZ, costume leopardato. Lady Ronaldo esplosiva. LE FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot Italia: anticipa da subito l’incentivo, per tutti e senza vincoli

    Peugeot Italia: anticipa da subito l’incentivo, per tutti e senza vincoli


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.