A- A+
Cronache
Omicidio Attanasio, arriva la svolta: condannati all'ergastolo i 6 imputati

Agguato in Congo, il processo era iniziato il 12 ottobre scorso 

Svolta nell'agguato avvenuto in Congo il 22 febbraio di due anni fa che ha visto la morte dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista Mustapha Milambo: secondo i media locali tutti i sei imputati sono stati condannati all'ergastolo.  Il processo Kinshasa era iniziato il 12 ottobre scorso. Tutti e sei sono stati ritenuti colpevoli di "omicidio, associazione a delinquere, detenzione illegale di armi e munizioni da guerra". 

Un omicidio, quello di Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista del Programma alimentare mondiale (Pam), Mustapha Milambo, è maturato in una regione della Repubblica democratica del Congo, il Nord Kivu, ad alta tensione dove gli scontri tra milizie armate, bande criminali ed esercito regolare che durano da ormai vent’anni: una regione che non trova pace e nemmeno i tentativi della Comunità degli Stati dell’Africa Orientale, presente con un contingente militare e la missione di peacekeeping delle Nazioni Unite (Monusco), riescono ad arginare.      

A due anni di distanza da quella strage la situazione nella provincia orientale è sempre più critica e anche le indagini sull’omicidio ne hanno subito le conseguenze. Il governo di Kinshasa è costretto a fronteggiare la grave minaccia rappresentata da decine di gruppi armati, banditi, politicizzati o fanatici religiosi. Una minaccia che continua ad aumentare, nonostante i fatti di due anni fa e la presenza della missione dei caschi blu della Monusco.     

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attanasiocongo
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1





motori
Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.