A- A+
Cronache
Omicidio Sacchi, clamoroso in aula: gli imputati disertano per "claustrofobia"

Omicidio Sacchi, salta l'udienza per un cavillo. Ira dei genitori di Luca

Il processo per la morte di Luca Sacchi, il ragazzo ucciso con un colpo di pistola alla testa nella notte tra il 23 e 24 ottobre 2019 davanti a un pub a Roma, ha subito un brusco stop. La causa del rinvio dell'udienza ha dell'incredibile, gli imputati soffrono di claustrofobia e la camionetta dei carabinieri che doveva scortarli in aula era a loro dire troppo piccola, per questo Valerio Del Grosso, accusato di essere autore materiale del delitto, condannato in primo grado a 27 anni, e il complice dell’aggressione, Paolo Pirino, già condannato a 25 anni, hanno deciso di non andare in tribunale, facendo slittare il processo.

Entrambi, a quanto si è appreso, soffrirebbero di claustrofobia e a differenza delle scorse udienze, questa mattina non era stato predisposto per loro un mezzo più ampio per portarli in tribunale. In aula non era stato previsto per loro neanche il video collegamento e, su richiesta della difesa, per garantire il diritto degli imputati a partecipare al processo, si è deciso di rinviare l'udienza al prossimo 23 febbraio. "Pirino e Del Grosso soffrono di claustrofobia? Se lo dice un medico va bene, ma quando erano in due nella Smart e hanno ucciso mio figlio non soffrivano di claustrofobia?" ha commentato con amarezza il padre di Luca Sacchi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
omicidio luca sacchi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti

Spot ancora invenduti a due settimane dall'evento. I prezzi

Oscar 2024, è allarme pubblicità? La Disney va a caccia di inserzionisti


in vetrina
Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1

Federica Masolin non lascia del tutto, Vicky Piria new entry: la rivoluzione di Sky F1





motori
GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

GIMS 2024: De Meo Renault chiede un "Airbus" dell'auto elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.