A- A+
Cronache
Oristano, la madre di Chiara Carta si avvale della facoltà di non rispondere

La madre di Chiara Carta si avvale della facoltà di non rispondere

Si è avvalsa della facoltà di non rispondere Monica Vinci, nel corso del primo interrogatorio che la vede imputata con l’accusa di omicidio aggravato della figlia Chiara Carta con 30 coltellate. A seguito del delitto, avvenuto il 18 febbraio scorso a Silì, frazione di Oristano, la donna ha tentato il suicidio gettandosi dal primo piano del balcone della sua abitazione.

Nel carcere di Cagliari-Uta dove è detenuta, la donna 52enne ha fatto scena muta davanti al giudice della indagini preliminari (gip) del  tribunale di Oristano, Federica Fulgheri. Affiancata dal suo legale - l'avvocato Gianluca Aste - ha inizialmente risposto ad alcune domande sulle generalità, ma al momento di ricostruire l’omicidio, è scoppiata in lacrime e si è chiusa in se stessa, senza aggiungere una sola parola.

E così il gip ha dovuto interrompere l'interrogatorio di garanzia, sempre rinviato a causa delle condizioni di salute della Vinci, a lungo ricoverata in ospedale dopo il tentativo di suicidio. "La mia assistita sta male - ha riferito all’Ansa il legale - parla poco o nulla, non è in grado di reggere un interrogatorio". Da qui la decisione di avvalersi della facoltà di non rispondere. In programma, inoltre, anche la richiesta di una perizia psichiatrica per valutare l'eventuale infermità mentale: "Credo sia necessaria", ha concluso Aste. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chiara cartagipinterrogatoriomonica vincioristano
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar

Guarda le foto

Francesca Verdini e Andrea Giambruno: la strana coppia beccata al bar


in vetrina
Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici

Affari in rete/ Miele alleato per la salute dell'uomo: ecco tutti i benefici





motori
Opel lancia il nuovo concept per la rete dei concessionari

Opel lancia il nuovo concept per la rete dei concessionari

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.