A- A+
Cronache
Padre Georg s’ammoscia: entra leone ed esce agnellino da Papa Francesco
Padre Georg e Papa Francesco (Lapresse)

Padre Georg entra leone ed esce agnellino da Papa Francesco

La vicenda di Padre Georg Gänswein ha avuto un esito inaspettato.

In breve, da quando è scomparso Benedetto XVI, il suo segretario particolare e Prefetto della casa pontificia, ha aperto un fuoco di fila contro Papa Francesco che ha sorpreso tutti.

Nei primi dieci giorni dell’anno Bergoglio è stato sottoposto ad un continuo fuoco di fila a cui ha prontamente reagito con parecchie mosse contemporanee: ha riformato la Curia romana mettendo sotto tutela il suo Vicario, ha riaperto il caso della scomparsa di Manuela Orlandi, ha incontrato immediatamente il primo ministro Giorgia Meloni e qualche giorno prima anche Gianni Alemanno, e lunedì scorso ha voluto incontrare il suo principale accusatore e cioè padre Georg.

È il primo incontro che ha fatto Francesco alla ripresa dalle vacanze natalizie ma l’urgenza con cui il “prefetto dimezzato” Gänswein –come lui stesso si è definito - è stato convocato lascia presagire tutta l’urgenza che il Papa ha avvertito.

Infatti la scomparsa di Ratzinger ha provocato un vero e proprio terremoto nella Chiesa che nessuno si aspettava dopo nove anni e più di silenzio.

Non ci sono solo le vicende umane, diremmo personali, in questa vicenda. C’è il futuro della Chiesa cattolica, c’è lo scontro tra conservatori e progressisti con sullo sfondo il grande convitato di pietra e cioè quel Concilio Vaticano II che ha prodotto divisioni ancora presenti.

C’è il sacerdozio femminile, c’è la problematica gay, c’è lo scandalo pedofilo e tante altre cose ancora.

Per questo Papa Francesco ha fatto molto presto e non ci si può non accorgere di un piano che sta seguendo, come in una partita a scacchi.

La prima cosa che ha fatto è stata quindi incontrare il suo principale accusatore, la fonte primaria di tutto, e cioè quel padre Georg che da anni, evidentemente, condivideva un forte risentimento personale nei suoi confronti per il “mobbing” che ha subito in Vaticano, con il suo “dimezzamento” nella Curia romana.

In questo dieci giorni è uscito un vero stillicidio di notizie del suo prossimo libro in uscita, “Nient’altro che la Verità”. L’incontro di lunedì è stato quindi dirimente visto che quando è uscito il prelato tedesco era completamente cambiato.

È trapelato che il prelato sia molto dispiaciuto delle interpretazioni malevole delle anticipazioni uscite e soprattutto ha colpito la sua unica affermazione pubblica: “Ora devo stare zitto”.

Ma non si trattava certo di interpretazioni, ma di vere e proprie sulle dichiarazioni alle agenzie e ai giornali.

Poiché in ballo non c’è solo il futuro della Chiesa universale di Roma ma anche e soprattutto – dal punto di vista dell’interessato - il futuro di padre Georg c’è da fare una considerazione. Infatti l’ex segretario vorrebbe avere delle rassicurazioni sul suo futuro.

A 66 anni è troppo giovane per andare in pensione e così si è parlato di un suo possibile ritorno tra i vescovi tedeschi – che però non paiono entusiasti di ciò - oppure di una nunziatura, magari in terre lontane, aggiungiamo noi.

Sta di fatto che padre Georg è entrato leone all’incontro è uscito agnello.

Difficile pensare che non ci sia stato qualche accordo tra lui e Bergoglio che rassicuri entrambi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
padre georgpapa francesco
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

MediaTech

Affari in Rete


in vetrina
Il cuore di Roma color blu Balestra, omaggio alla moda: il Centro s'accende

Il cuore di Roma color blu Balestra, omaggio alla moda: il Centro s'accende





motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.