A- A+
Cronache
Più Partite Iva Unite: "I ristori non salveranno le imprese dal fallimento"

Almeno 350mila piccole e micro imprese, stima la Cgia di Mestre in una recente indagine, saranno costrette a chiudere, con la conseguente perdita di posti di lavoro per almeno un milione di lavoratori che si andranno ad aggiungere al mezzo milione di posti di lavoro già persi dall’inizio della pandemia. Se non saranno introdotte nell’immediato misure efficaci per uscire dall’agonia, non sarà possibile neanche sperare in una ripresa economica. Senza le imprese, le micro-imprese in particolare, che costituiscono la spina dorsale del nostro tessuto imprenditoriale, l’Italia non potrà ripartire. Un allarme che coinvolge le partite Iva.

In proposito, il mondo delle Partite Unite -attraverso il segretario nazionale di Più Partite Iva Unite, Antonio Gigliotti (nella foto)-  fa appello al governo affinchè aumenti la percentuale dei ristori (attualmente fissata, per ora solo sulla carta, al 25% della perdita di fatturato subita), per coprire tutte le spese vive, compreso il pagamento di bollette, spese assicurative e contributi previdenziali. Visto anche l’intervento della Comunità europea che ha innalzato al 90% dei costi fissi il rimborso che le imprese potranno ottenere dagli stati membri, avendo conseguito una perdita di fatturato di almeno un terzo. Inoltre, chiede di annullare, per artigiani e commercianti, soggetti tra i più colpiti dalla crisi e al tempo stesso maggiormente ignorati dal governo, il pagamento per il biennio 2020-2021 dei contributi previdenziali fissi dovuti all’Inps, pari a circa 3.850,00 euro annui,garantendone al tempo stesso l’accredito figurativo ai fini della maturazione dei requisiti pensionistici, ed eventualmente mantenendo solo la parte calcolata in percentuale sull’effettivo reddito dichiarato, qualora eccedente il minimale (attualmente fissato in 16mila euro). In questo modo la contribuzione da versare sarebbe solo quella rapportata al reale risultato economico conseguito, e non stabilita su un importo unico per tutti che non tiene conto delle disparità createsi per effetto della crisi; esonerare le aziende che saranno costrette a chiudere, dal pagamento all’Inps del Ticket di licenziamento NASpI, dovuto dall’azienda all’Inps per ogni cessazione di rapporto di lavoro a tempo indeterminato diversa dalle dimissioni volontarie, pari a 503,30 euro annui da rapportare ai mesi di servizio, che può arrivare fino ad un massimo di 1.509,90, senza alcuna riduzione per i rapporti a tempo parziale.

Questi i primi necessari interventi, secondo Più Partite Iva Unite, se realmente si vuole dar prova, al di là degli slogan, di voler salvare il Paese dal default economico.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ristorigovernopartiteiva
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"





    casa, immobiliare
    motori
    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

    ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.