A- A+
Cronache
Plasma, Mantova-Pavia si riprendono il loro ruolo. Soddisfazione per De Donno

Continuerà la collaborazione tra Mantova e Pavia sul plasma iperimmune. Come scrive Mantova Uno, è emerso il legame importante instauratosi tra gli sperimentatori del Policlinico San Matteo di Pavia e quelli dell’ospedale Carlo Poma di Mantova. I dati preliminari sono molto positivi con la mortalità passata dal 15 al 6% (a Mantova la mortalità è stata addirittura azzerata tra i pazienti inseriti nel protocollo). Tutti gli obiettivi primari e secondari dello studio sono stati raggiunti.

Ma al termine di questa giornata convulsa iniziata con Mantova che sembrava essere stata esclusa dalle sperimentazioni sul plasma e conclusa invece con l’annuncio di nuovi protocolli a cui il Policlinico San Matteo e il Carlo Poma lavoreranno insieme, anche con Brescia e Bergamo, l’altra considerazione da fare è quella che Mantova e Pavia hanno riavuto il loro ruolo e la sperimentazione è stata riaffidata ai centri con il maggiore background culturale su questo fronte. Pavia sarà l'”investigator” principale avendo anche un’università e quindi un centro di ricerca e Mantova il “co-investigator”, esattamente come era nella prima fase.

Si tratta del più grande registro di studi clinici. È gestito dalla National Library of Medicine degli Stati Uniti presso il National Institutes of Health ed è il più grande database di sperimentazioni cliniche, con registrazioni da oltre 329.000 studi da 209 Nazioni.

Sempre come riferisce Mantova Uno, proprio allo studio pubblicato su ClinicalTrials.gov ha fatto riferimento anche il primario di  pneumologia del Poma Giuseppe De Donno il cui ultimo post su Facebook ha avuto un immediato effetto mediatico tanto che è stato ripreso da agenzie di stampa e testate giornalistiche. E molto probabilmente è arrivato anche sul tavolo del Ministro della Salute visto l’evolversi poi della giornata.

“Mentre gli altri fanno polemica, noi continuiamo a lavorare per abbattere l’unico nemico: il Covid-19 – scrive De Donno nel post – Ormai è ufficiale, il 25 marzo abbiamo depositato il nostro trial di ricerca sul siero iperimmune del paziente convalescente. È il 1° trial del mondo occidentale, è come un brevetto, è marmo scolpito di certezza. Quando io affermo qualcosa è condito dalla verità e dal supporto di fatti che tutti possono verificare. Qui si va avanti, caro collega Franchini – dice rivolgendosi al primario del Centro Trasfusioni dell’ospedale di Mantova – qui non arretriamo di un millimetro!”

Da Mantova Uno

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    plasmade donno
    in evidenza
    Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

    Scatti d'Affari

    Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

    i più visti
    in vetrina
    Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

    Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone





    casa, immobiliare
    motori
    Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

    Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.