A- A+
Cronache
Poste, furto buoni postali: eredi risarciti in caso di ritardo nel blocco

Furto Buoni Postali: le Poste devono risarcire gli eredi dei derubati se vi è stato ritardo nel blocco.

Le Poste Italiane dovranno risarcire gli eredi dei derubati per un furto avvenuto 12 anni fa per oltre 40.000 euro. La ha deciso la Corte di Appello di Bologna che ha disposto il risarcimento totale ed il pagamento delle spese legali. Al fianco degli eredi l’avv. Giovanni Franchi di Parma, specializzato nella difesa dei consumatori, che è riuscito a far si che la Corte riconoscesse le ragioni degli eredi di un furto avvenuto nel 2016 a Bardi, in Provincia di Parma, durante il quale erano stati sottratti buoni fruttiferi.

I ladri erano riusciti a riscuotere i Buoni, muniti di un documento falso. Le Poste si rifiutarono di riconoscere il rimborso, perché i derubati non disponevano dei numeri di codice relativi, cosa che ha prodotto dei ritardi nel blocco. Il sistema gestionale delle Poste permetteva infatti la ricerca solo a fine giornata lavorativa, cosa che ha permesso ai ladri di agire velocemente.

Il Tribunale di Parma accettò la giustificazione addotta dalle Poste Italiane e rigettò la domanda. L’Avv. Franchi, ricostruendo passo per passo tutti i fatti presso le 4 Filiali utilizzate per la riscossione dei Buoni ha invece dimostrato alla Corte di Appello la condotta “imprudente” delle Poste. Nella sentenza di legge infatti che “non era possibile richiedere maggior cura al soggetto che aveva subito il furto, il quale non poteva sapere che per provvedere al blocco immediato dei buoni era necessario indicarne il numero identificativo a causa di una inefficienza del sistema informatico delle Poste. Nè, peraltro, tale inefficienza può risolversi a danno del cliente.”.

“Si tratta di una sentenza che ritengo significativa - ha dichiarato l’Avv. Giovanni Franchi - perché dimostra che non si può attribuire al cliente la responsabilità delle lentezze o delle inefficienze nel blocco dei Buoni. Una volta fatta la denuncia di furto, è responsabilità dell’emittente provvedere velocemente a tale blocco. E questo ritengo possa essere valido anche per casi similari, ad esempio con assegni.”.

Tags:
postebuoni postali
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

Guarda il video

Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini





motori
Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.