A- A+
Cronache
Reportage: Wojtyła coprì abusi su minori. Tarro:“Ammettere voleva dire finire”

Il professore Giulio Tarro che salvò il Papa dopo l’attentato: “Per la Chiesa ammettere gli abusi avrebbe voluto dire indebolire se stessa, in un gioco di poteri. Era un altro mondo”

Il reportage della tv polacca TVN24 ha scosso i cattolici: quando era cardinale a Cracovia, Papa Wojtyla avrebbe coperto gli abusi sui minori nella Chiesa polacca, trasferiva i responsabili ma senza dire nulla.

Ne abbiamo parlato con il professor Giulio Tarro, oggi 84enne, che gli salvò la vita dopo l’attentato di Ali Ağca nel 1981 a Roma. Con Wojtyla in fin di vita fu Maurizio Costanzo ad arrivare al dottore napoletano che conosceva una cura. Una storia che i giornali mainstream e la rete non ricordano ma che si lega alle scoperte di oggi.

tarro
 

“Sugli abusi c’è da dire che bisogna capire: quello era un mondo totalmente diverso, sono passati 50 anni. Oggi appare incomprensibile ma la Chiesa non poteva mostrare debolezze e falle. Era uno dei principali attori nella lotta del mondo diviso in due blocchi. I tempi non erano adeguati per fare altro, sugli abusi!”, dice a bruciapelo Tarro ad Affaritaliani.

Tarro paese sera
 

Le violenze però c’erano. La Chiesa non poteva imboccare una strada diversa? Poi un leader come Papa Wojtyla, dal carattere così forte, era un pastore ferreo e volitivo, duro… non poteva non conoscere sia i casi che le dimensioni del fenomeno...

“Sicuramente sapeva. Però in quel momento quella era la decisione più giusta, non c’era lo spazio per fare altro”

Anche spostare i sacerdoti che avevano commesso violenze da una zona all’altra, senza allertare chi li accoglieva, come è stato raccontato anche negli USA, non fa che perpetuare il fenomeno?

“Ah certo, nella Chiesa americana è stato un disastro. Però la Chiesa degli anni di Wojtyla ha rotto la cortina di ferro, c’erano aspetti politici più importanti che passavano su tutto il resto”

Quindi per la Chiesa ammettere gli abusi avrebbe voluto dire indebolire se stessa in un gioco di poteri e di credibilità?

“Si, questo era il vero problema”

Cosa avrebbe potuto fare Woytyla che non ha fatto?

“Allora, era quello che Wojtyla poteva fare. Su questo fronte aveva delle limitazioni. Dopo 40 anni abbiamo questi frutti anche nell’ambito della Chiesa polacca. Era un seme che poi è germogliato oggi. Si figuri che Wojtyla aveva vissuto il sacerdozio nel suo Paese in modo più libero dei nostri preti, ed è stato un innovatore: ragionava sul se un sacerdote potesse costruirsi una famiglia, come nel cristianesimo inglese. La Chiesa polacca in quella fase storica fu molto innovativa e aveva una grande apertura”

Come cambia l’uomo di potere oggi?

“Io Wojtyla l'ho curato e lo conoscevo bene. Ho una foto della mia mano fra le sue. Un'altra volta mi ha regalato le coroncine del rosario per mia madre e mia sorella. Gli ho portato la signora Sabin, vedova del marito. Ho fotografie e stampe dell'epoca. Oggi l’uomo che sta al vertice di un mondo è cambiato profondamente, possiamo cogliere i frutti di un cambio alle radici, in questo caso in meglio, poi ci sono altri problemi”

TArro gente
 

Parlando di minori viene alla mente la sparizione di Emanuela Orlandi che accadde proprio in quegli anni. E’ stata più volte collegata all’attentato al Papa ma anche ad altre vicende del Vaticano. Le ne ha sentito parlare nell’entourage vaticano che ha frequentato?

“E’ una vicenda dolorosa che resta davvero insoluta. Non me ne sono mai occupato. E’ comprensibile che la famiglia cerchi ancora la verità ma non so fino a che punto possa venire fuori oggi a distanza di tanti anni”

Come è cambiato il mondo di oggi rispetto ad allora?

“Oggi mi preoccupa un mondo dove l’abuso può diventare un sistema di costume. Se con tanta leggerezza si può cambiare sesso, come insegnano nelle scuole americane, diventa semplice anche superare altri limiti”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
abusi minoriali ağcaattentatocostanzogemellipoloniareportagerischio vitatarrotvn24viruswojtyła
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"





motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.