A- A+
Cronache
Santanchè e le "banche amiche". Quel maxi-debito milionario mai saldato
La ministra del turismo Daniela Santanchè. Foto Lapresse

Inchiesta Santanchè, il giallo dei prestiti ottenuti e mai saldati con le banche

L'inchiesta per falso in bilancio che ha travolto la ministra del turismo Daniela Santanchè e la sua società Visibilia, sta facendo emergere particolari inediti e misteriosi su questa intricata vicenda che rischia anche di costarle anche la poltrona al governo. Le banche - si legge nelle carte dell'inchiesta e lo riporta Il Fatto Quotidiano - avrebbero concesso a Santanchè prestiti a occhi chiusi anche quando i bilanci non erano tali da poterli rimborsare. Nelle carte dell’inchiesta sul dissesto di Visibilia della Procura di Milano, gli ispettori della Banca d’Italia e il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della GdF hanno ricostruito le operazioni bancarie con cui il gruppo, già dissestato, ha potuto tirare a campare per anni.

Leggi anche: Santanchè, Visibilia e il "trucchetto" dell'acquisizione inversa. La perizia

Dalle relazioni della Banca d'Italia emerge un quadro netto: dal 2014 al 2023 il dissestato gruppo editoriale-concessionario di Santanchè ha ricevuto dalle banche finanziamenti totali per oltre 7,8 milioni e ne ha restituiti solo 5,3. I finanziatori - in base a quanto risulta a Il Fatto - sono stati Intesa Sanpaolo, Bps, Credito Valtellinese e Banco Bpm. Visibilia Srl (in liquidazione) ad agosto 2023 ha raggiunto l’intesa con i creditori: tra questi Prelios Credit Servicing, che aveva rilevato il credito da Intesa, ha accettato 1,2 milioni su 4,5 milioni dovuti, con uno sconto del 73% sul debito. Ma i "buchi" si sono registrati anche ad altre società riconducibili alla ministra: Bioera, Ki Group e Biofood.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo





motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.