A- A+
Cronache
Lavoro, dopo la tragedia Esselunga l'idea di un pool investigativo

Sicurezza sul lavoro: nuove leggi a breve e prosegue l’inchiesta

Dopo l’incidente al cantiere Esselunga di Firenze -che ha provocato cinque vittime lo scorso venerdì- il governo si è attivato.

Per contrastare il fenomeno dovuto ad un far west sui cantieri, peraltro alimentato dallo scellerato programma di bonus e superbonus che ha portato a truffe e deregulation completa sui subappalti e a una voragine nei conti pubblici dello Stato.

Misura, ricordiamolo, demagogicamente spinta dai Cinque Stelle di Giuseppe Conte. Il punto chiave è quello dei subappalti che nel settore privato sono completamente fuori controllo, mentre nel pubblico c’è un limite alla catena delle concessioni.

Il ministro della Giustizia Carlo Nordio ha detto durante il question time alla Camera: “Proprio questa mattina in Consiglio dei ministri questo argomento è stato trattato, anche con l’ipotesi di eventuali sanzioni penali. Non è stato trattato il principio, al quale sarei anche abbastanza contrario, dell’introduzione dell’omicidio sul lavoro perché con l’esperienza dell’omicidio stradale, che ha aumentato a dismisura la pena, gli incidenti non sono diminuiti ma aumentati. Sono allo studio altre misure per contrastare il lavoro sommerso”.

LEGGI ANCHE: Appalti, stretta sul 'nero'. Nordio: “No al reato di omicidio sul lavoro”

Durante il Cdm c’è stata l’informativa della ministra del Lavoro Marina Calderone: “Nel 2023 ci sono state più ispezioni rispetto all’anno precedente nel settore edile. Su un totale di 92.658 accessi ai cantieri, 20.755 sono state le ispezioni inerenti alla vigilanza in materia di salute e sicurezza, oltre quindi 3mila rispetto al 2022. I risultati sono impietosi: il livello di irregolarità registrato è stato pari al 76,48%, con un tasso di irregolarità media che supera l’85,2% specialmente nei cantieri collegati al superbonus 110%. Non solo: in base all’ultimo rapporto Inail, le denunce di infortunio sul lavoro presentate tra gennaio e dicembre sono state 585.356 (-16,1% rispetto al 2022), di queste 1.041 mortali (-4,5%)”.

Il ministro ha poi dichiarato di voler rafforzare l’elemento ispettivo che nei cantieri privati, soprattutto dopo la fase dei bonus, è praticamente assente e nessuno ha il vero controllo dei subappalti.

Ma a parte i dati tecnici forniti occorre agire presto, magari anche con un decreto legge, per porre un primo freno ad una dinamica che purtroppo non accenna a diminuire, segno che non si tratta di casi isolati ma di fenomeni strutturali.

Da Chigi filtra anche un’altra azione possibile e cioè quella di costruire un coordinamento delle Procure sul modello dei pool anti –mafia, che si specializzi sul reato specifico in ambito lavorativo e che abbia strumenti di azione diretta, come quello di far cessare i benefici fiscali in caso di lavoro in nero o di subappalti selvaggi.

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid





motori
Opel Grandland 2024, rivoluziona il concetto di SUV

Opel Grandland 2024, rivoluziona il concetto di SUV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.