A- A+
Cronache
Protesta per il ritardo dell'aereo. Sperandeo costretto a scendere

Tony Sperandeo aveva chiesto spiegazioni al personale di volo, manifestando in maniera forse un pò troppo forte il proprio disappunto


Le proteste non sono servite e nemmeno il fatto che lui sia un volto noto del cinema italiano, anzi l'attore palermitano Tony Sperandeo, 69 anni, che doveva rientrare a Palermo il 26 dicembre scorso, alle 19.15, con il volo w65579 della compagnia low cost ungherese Wizzair dopo essersi imbarcato è stato costretto a tornare all'interno dei locali dell'aeroporto di Malpensa, scortato dalla polizia, dietro ordine del comandante, con l'accusa di aver «minacciato» l'equipaggio.

Secondo il racconto dell'attore, si legge su www.ilgazzettino.it, tutti i passeggeri erano rimasti bloccati per due ore, prima al gate e poi nel bus che doveva portarli a bordo perché due membri dell'equipaggio sarebbero mancati all'appello, secondo quanto riferito dal personale presente e per questioni di sicurezza, non era possibile procedere all'imbarco. Sperandeo e gli altri passeggeri non avevano gradito il trattamento riservato «lasciati in attesa in aeroporto e poi ammassati dentro il bus» ed avevano protestato. Tony Sperandeo, dopo aver raggiunto l'aereo e preso posto al 20D, aveva chiesto spiegazioni al personale di volo, manifestando in maniera forse un pò troppo forte il proprio disappunto. Gli assistenti hanno fatto intervenire il comandante che ha avvertito il personale a terra che il passeggero non poteva stare a bordo.

Per questo l'attore è stato costretto a lasciare l'aeromobile scortato dalla polizia. «È inaccettabile che un cittadino non possa protestare per un disservizio e gli venga riservato questo trattamento - dice Tony Sperandeo - da parte mia nessuna minaccia ma semplicemente chiedevo una spiegazione e mi aspettavo almeno delle scuse per la lunga attesa». L'attore si è già rivolto allo studio legale Palmigiano e associati, che da anni opera nel settore del diritto dei trasporti, per agire nei confronti della compagnia. «Sperandeo stava esercitando un legittimo diritto di protesta nei confronti dell'equipaggio, che si era presentato in aeroporto in ritardo, bloccando un intero volo e decine di passeggeri - ha detto l'avvocato Alessandro Palmigiano - Abbiamo già diffidato la compagnia e agiremo nelle opportune sedi per una vicenda inaccettabile e per il grave danno all'immagine di Sperandeo. È stato anche segnalato quanto accaduto all'Enac».

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tony sperandeo niente volo
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni





motori
DS Automobiles celebra 10 Anni in Italia con la serie speciale EDIT10N LIMITÉ

DS Automobiles celebra 10 Anni in Italia con la serie speciale EDIT10N LIMITÉ

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.