A- A+
Cronache
Violenza sulle donne, il vescovo di Verona Pompili emula Boldrini e Murgia

Il 25 novembre Monsignor Pompili, vescovo di Verona, ha ricordato due vittime della prostituzione assassinate in città

Nell' occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che si è tenuta il 25 novembre, il vescovo di Verona Monsignor Pompili ha ricordato due donne vittime della prostituzione assassinate  sul territorio veronese dai propri clienti: "La violenza subita da Venetita e Lioara si inserisce in un più ampio fenomeno, quello della violenza maschile sulle donne. Ciò accade perchè viviamo in una cultura ancora patriarcale, mentre è importante abbandonare questi retaggi del passato".

Il neo Vescovo di Verona, forse nella foga e nell'intento di emulare la Boldrini e la Murgia, si è ingenuamente scordato  che per i cattolici la dignità patriarcale è subordinata alla dignità suprema del vescovo di Roma, quale vicario di Cristo e successore di Pietro, come capo del Collegio episcopale.

Per consequenzialità logica, alle parole dovrebbero seguire i fatti. Innanzitutto, Monsignor Pompili dovrebbe ripristinare (ma in veste modernista conciliare) la Santa Inquisizione e dichiarare seduta stante San Paolo il peggiore maschilista della storia della Chiesa.

Nella lettera agli Efesini, il perfido fallocrate ebbe la spudoratezza di affermare che "Le mogli siano sottomesse ai mariti come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della Chiesa, lui che è il salvatore del suo corpo. E come la Chiesa sta sottomessa a Cristo, così anche le mogli siano soggette ai loro mariti in tutto".

All'epurazione del testo "femminilisticamente scorretto" (e pure omofobo perchè non contempla l'opzione marito marito o moglie moglie) il capo della Chiesa Scaligera dovrebbe sollecitare (e praticare durante le benedizioni pubbliche) la "correzione" del segno della Croce. Non più "Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo", ma un più moderno e matriarcale "Nel nome della Madre, della Figlia e della Spirita Santa".

Aggiustamenti che spazzerebbero i retaggi del passato, renderebbero giustizia alla parità di genere e soprattutto lancerebbero potenzialmente il vescovo di Verona al superamento in popolarità del maestro novatore per eccellenza: papa Francesco. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
veronavescovo
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker

MediaTech

Chiara Ferragni, Fedez già dimenticato? La nuova fiamma un ex di Michelle Hunziker


in vetrina
Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio





motori
Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Nuova Jeep Avenger, l’elettrico che non ti aspetti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.