A- A+
Cronache
Virginia Raggi e la sua banda di incompetenti hanno ridato dignità a Roma

di Giuliano Pacetti *

I migliori sindaci di Roma di questi ultimi 40 anni sono stati Luigi Petroselli e Virginia Raggi. Li lega la grande capacità di ascoltare i cittadini e l’averli avvicinati al Campidoglio, del quale hanno aperto porte e finestre. Li lega il sogno della difesa del verde e la grande battaglia per ridurre il traffico privato, fonte principale dell’inquinamento atmosferico.

Dopo la scomparsa del compianto Luigi Petroselli, Roma per un lungo periodo sembrò essere sospesa in un limbo di incertezze, cosa che si è ripetuta con le note vicende legate al processo “Mafia Capitale”.

Dopo un periodo transitorio, con sindaci PCI-DC-PSI, Roma si regalò i 15 anni delle 4 sindacature e delle tante speranze riposte in Francesco Rutelli e Walter Veltroni. I due sindaci, però, lavorarono per gran parte della loro sindacatura con lo sguardo puntato alla candidatura a Presidente del Consiglio dei Ministri. Realizzarono il loro sogno di guidare una coalizione, ma entrambi persero la partita contro Silvio Berlusconi: Francesco Rutelli nel 2001 alla guida dell’Ulivo e Walter Veltroni nel 2008 alla guida dei Democratici. Come se non bastasse, sulla scia di quelle mazzate provenienti da destra, Roma subì la sindacatura di Gianni Alemanno. L’incontrastato peggior sindaco di sempre, lasciò ad Ignazio Marino una città devastata, umiliata, mortificata da indagini giudiziarie e comprensiva del rodato sistema Buzzi-Carminati.

Dal centro alle periferie, passando per il litorale di Ostia, tanti politici pronti a mimetizzarsi pur di non essere associati a quella categoria definita della “mangiatoia”. Il sindaco Ignazio Marino, seppur in una Roma disastrata, non fece certo bene ed anzi dovette addirittura subire un atto di crudeltà politica senza precedenti: la sua maggioranza si vestì da Mastro Titta e lo eliminò con un atto notarile.

Il primo sindaco donna
Nel marasma politico e istituzionale peggiore della sua storia, Roma per la prima volta aveva bisogno di un sindaco donna che rimettesse in ordine la casa capitolina: i suoi conti, le sue aziende, le sue strade. E per quello che ha fatto per i suoi cittadini, Virginia Raggi merita di essere confermata alla guida del Campidoglio.

Sul tema donna, concordo con Lilly Gruber sul fatto che la complessità della nostra società non può essere gestita senza le competenze femminili e che a parità di capacità la politica dovrebbe agevolarne l’affermazione. Ma non è così: Virginia Raggi dal giorno del suo insediamento è stata massacrata da media e politica, femmine e maschi uniti nell’attaccare a palle incatenate l’usurpatrice. Da una parte una donna forte con comportamenti ispirati da legalità e trasparenza, dall’altra destra e sinistra che picchiano politicamente insieme. Da una parte la Sindaca Raggi che ridà a Roma la dignità di Capitale, in un percorso nel quale hanno trovato posto tanto il merito quanto il bisogno. Dall’altra il pensiero vuoto e semplice di una destra pronta a strumentalizzare qualsiasi cosa.

Virginia Raggi e la sua banda di incompetenti

Virginia Raggi e la sua banda di incompetenti hanno avviato il risanamento e il rilancio di Atac e di Ama, che ora possono contare su conti in ordine e su prospettive fatte di nuovi mezzi e strutture al servizio dei cittadini. Macché, per i grandi politici dell’opposizione romana non va bene neanche questo. Acea si rilancia e raggiunge i migliori risultati economici e di gestione di sempre, assicura a Roma acqua di buona qualità e in prospettiva continuerà ad assicurarla per i prossimi duecento anni con il raddoppio dell’acquedotto del Peschiera. Dalle opposizioni nessun riconoscimento! La macchina amministrativa finalmente funziona e gli impiegati, siano essi vecchi o nuovi assunti, hanno ritrovato l’orgoglio di farne parte. Ma niente, tutti giù a fare i guitti di bassa lega, che recitano una parte tanto comica quanto velenosa verso la Sindaca di Roma.   

L'operazione Attila di Alemanno
Così come Virginia Raggi ha subito indecorosi e immeritati attacchi, anche la maggioranza che la sostiene ha dovuto subire il linciaggio quotidiano dei media e di alcuni politici locali, tra i quali alcuni che avevano contribuito all’operazione Attila messa in atto da Gianni Alemanno. 

Chi sono gli eletti 5 Stelle al Comune di Roma
Certa stampa vuol far passare la maggioranza che sostiene Virginia Raggi come un aggregato di persone che si trovavano per caso a fare i consiglieri comunali. È vero che in politica non esiste un sistema di valutazione basato solo sulle caratteristiche della persona, ma dietro i 29 eletti del Movimento 5 Stelle si possono contare: 23 laureati, 14 iscritti ad albi abilitanti, dottorato e master, oltre a precedenti esperienze politiche come consiglieri comunali e municipali. A ciò si aggiunga che tutti i consiglieri, Virginia Raggi compresa, portano sulle loro spalle anni di presenza sul territorio, anni di sabati e domeniche passati tra la gente e per la gente, in un confronto costante che ha arricchito gli uni arricchendo gli altri di rapporti e umanità.

Ora, Giuseppe Conte ed Enrico Letta stanno lavorando ad un accordo nazionale per le prossime amministrative e di prospettiva per le politiche. Un accordo che si deve basare sul rispetto reciproco e proprio per questo ritengo che sia fuori da ogni logica avanzare, come fa anche il Partito Democratico, obiezioni nominalistiche verso l’attuale sindaca Virginia Raggi. Il tutti meno che lei è il metodo usato dal centrodestra con Conte, Arcuri ed ora con Speranza, al quale va la mia solidarietà per attacchi assolutamente strumentali. Lasciamo queste miserie politiche a Matteo Salvini e confrontiamoci seriamente sul terreno delle cose che Virginia Raggi ha fatto e su quelle programmate. Faccio appello alla politica con la P maiuscola e invito chi vuole veramente bene a Roma a smetterla di attaccare Virginia Raggi usando lo stesso subdolo e vuoto termine utilizzato dalla destra qualunquista e dal pensiero debole: incompetenza. Ci hanno lasciato Roma con il sedere per terra e noi “incompetenti” l’abbiamo rimessa in piedi restituendogli onore, regole e prospettive.

*Capogruppo del Movimento 5 Stelle in Assemblea Capitolina e Consigliere delegato dell’Area Metropolitana di Roma

Commenti
    Tags:
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    "Zone rooosse per teeee..." Speranza sulle note di Ranieri

    Covid vissuto con ironia

    "Zone rooosse per teeee..."
    Speranza sulle note di Ranieri

    i più visti
    in vetrina
    Elisabetta Canalis sul divano: bikini e stivali: da sogno. Federica Pellegrini...

    Elisabetta Canalis sul divano: bikini e stivali: da sogno. Federica Pellegrini...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lexus presenta il Nuovo UX Hybrid Deep Sky

    Lexus presenta il Nuovo UX Hybrid Deep Sky


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.