A- A+
Cronache
Zimbabwe, i due italiani uccisi da un ranger

"Non c'è alcun mistero sulla morte di Claudio e Massimiliano Chiarelli. È stato un tragico incidente". Il direttore del Cesvi Zimbabwe Loris Palentini spiega  Repubblica come sono morti i due padovani, padre e figlio, uccisi: "Il report ufficiale della Zambezi Society impegnata sul territorio per la conservazione e la lotta al bracconaggio delle specie protette coincide perfettamente con il racconto sul campo della nostra collaboratrice". A sparare sarebbe stato un ranger

Palentini ha anche una spiegazione del perché hanno sparato a vista: "È successo raramente, ma di recente sono sottoposti a un forte stress, stanno alzando il livello di allerta perché il bracconaggio sta aumentando a livello esponenziale. I bracconieri sono sempre più numerosi, meglio organizzati e bene armati", dice a Repubblica.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
zimbabwe
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari





casa, immobiliare
motori
Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.