A- A+
Culture
A Milano luci e colori di Monet, specchi della sua anima
Claude Monet lo stagno delle ninfee, 1917 1919

Genio inventivo della visione Claude Monet seppe vedere nel rapporto di luci e colori quello che nessuno aveva intuito. Tra i pittori suoi contemporanei fu il maggior collezionista di stampe giapponesi e, dopo l’invenzione della pittura en plain air, si fece costruire quel grande giardino di Giverny che divenne via via un meraviglioso parco di mille colori con uno stagno, circondato da salici, dove fluttuavano le ninfee. 

“Mi ci è voluto molto tempo per comprenderle. Le ho piantate e coltivate senza pensare a dipingerle…Poi tutto a un tratto ho avuto la rivelazione della magia del mio stagno. Ho preso la mia tavolozza…”, affermò.

Al grande pittore, “padre degli impressionisti”, nato a Parigi nel 1980 e morto 86enne a Giverny, è dedicata la mostra “Monet”, da domani nelle sale di Palazzo Reale a Milano.
Un percorso che si snoda cronologicamente attraverso una cinquantina di opere provenienti dal Musée Marmottan Monet di Parigi. 

Claude Monet   Londra e il Parlamento, 1905Claude Monet Londra e il Parlamento, 1905
 

Il visitatore è accolto da una ricostruzione video: si cammina su fluttuanti ninfee dello stagno per poi attraversare un campo di papaveri …
Il ritratto del figlio Michel, del 1883, è l’ultimo realizzato dall’artista prima di abbandonare la pittura figurativa per quella del paesaggio.

Alla metà dell’800 lo sviluppo della rete ferroviaria e l’invenzione del colore in tubetto permisero non solo di viaggiare, ma soprattutto di dipingere all’aria aperta: nascono le sue marine, i paesaggi e scene familiari - in mostra “La moglie Camille sulla spiaggia di Trouville-.

Claude Monet   sulla  spiaggia di Trouville, 1870 Claude Monet sulla spiaggia di Trouville, 1870
 

Monet non imita i colori reali, ma li interpreta in relazione alla luce e al contesto. Più che il soggetto gli interessa il modo in cui viene trasfigurato dalla luce. Le sue tele sono percorse da pennellate frettolose per catturare la luminosità che muta di continuo.
Ritrae lo stesso soggetto in condizioni di luce diverse, dai toni rosati dell’alba a quelli più intensi e freddi della mattina fino a quelli più caldi.
Ecco le tele del ponte Charing Cross e del Parlamento inglese, i cui dettagli sono dissolti in ampie zone di colori freddi, con la nebbia che sembra annullare il soggetto.

Poi i riflessi dell’acqua, i bagliori, le trasparenze che si trovano nei quadri dipinti sul laghetto del giardino giapponese della sua casa di Giverny e le ninfeee dal tocco espressionista, appena schizzate, i fiori come semplici tocchi di colore e infine, mentre lotta con la cecità, ecco che la forma svanisce, lasciando il posto al movimento e al colore.

La tela diventa via via più indecifrabile: salici piangenti, siepi di rose… assumono sempre più una dimensione onirica. 
“La mia povera vita mi fa vedere tutto annebbiato”, dirà nel 1922

“Monet. Dal Musée Marmottan Monet, Parigi”
Palazzo Reale - Piazza Duomo, 12 Milano
18 settembre  2021– 30 gennaio 2022
Ingressi: intero € 14,00 Audioguida inclusa – ridotto € 12,00 Audioguida inclusa
Informazioni e prenotazioni: +39 02892992
www.monetmilano.it

Claude Monet   ritratto del figlio  Michel ,  1883Claude Monet ritratto del figlio Michel , 1883
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    monet
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.