A- A+
Culture
Berlinale, Fatih Akin "soffoca" il festival col suo Golden Glove
Foto di Boris Laewen (The Golden Glove, Fatih Akin)

BERLINO - Ci sono film che colpiscono come un pugno allo stomaco. Ci sono film che provocano ansia. Ci sono film che fanno provare claustrofobia. E poi c'è un film, "The Golden Glove" di Fatih Akin, che fa tutte queste cose e insieme riesce quasi a far sentire un odore. Odore di miseria, depravazione, alcol, morte, putrefazione. Il guanto, piuttosto che d'oro, è però pieno di sporcizia, Schnapps (il distillato che il protagonista del film beve quasi ininterrottamente) e disperazione. Un guanto che soffoca lo spettatore, portandolo in un mondo di violenza e bruttura dal quale non si riesce a uscire e che rimane attaccato addosso anche dopo la visione.

Akin, regista tedesco di origine turca, torna in quella che è la sua casa, la Berlinale. Qui, al festival di Berlino (in programma dal 7 al 17 febbraio), lui ha già conquistato un Orso d'oro con "La sposa turca" nel 2004. Stavolta sceglie di raccontare la vera storia di Fritz Honka, alcolizzato e serial killer di prostitute, già protagonista del recente romanzo di Heinz Strunk.

Honka è brutto, sporco e si muove barcollando nella Amburgo degli anni '70. Più esattamente nel quartiere di St. Pauli, la più vasta zona a luci rosse d'Europa. Ma le insegne colorate e i locali patinati devono ancora arrivare. Qui il centro del "divertimento" è il "Goldene Handschuh" (Golden Glove), un bar che tiene chiuse le tende anche di giorno per favorire l'alcolismo disperato dei propri clienti.

Ex SS, anziani rimasti soli e vecchie donne pronte a concedersi per un bicchiere in più. Nessuna speranza, nessuna bellezza. Sin dalla prima inquadratura del film non è possibile scappare. Fumo, violenza, odore di morte dappertutto. Nessuna voce morale superiore, nessuna possibilità di redenzione, nessuna motivazione. Solo miseria. E' come se lo spettatore fosse dentro uno dei sacchi in cui Honka ripone i pezzi dei cadeveri delle sue vittime. Chiuso dentro quell'angusto attico che è impossibile da ripulire.

Il film di Akin, come il suo protagonista, non fa nulla per piacere. Sfida lo spettatore con scene forti e al limite del disgusto. Talvolta provoca persino delle risate per la sua grossolanità. Inutile andare a cercare significati filosofici o sociali troppo profondi. "The Golden Glove" è un lurido attico con finestre impossibili da aprire, uno sguardo sporco che non si riesce a evitare, un alito pestilenziale che ammorba anche dopo che ha finito di parlare. Ci sarà chi lo considererà un piccolo cult e ci sarà chi, forse in molti, ne parlerà in modo terribile. Ma una cosa è certa: impossibile che "The Golden Glove" lasci indifferenti.

twitter11@LorenzoLamperti

Commenti
    Tags:
    berlinalefestival berlinofatih akingolden glove
    in evidenza
    Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

    VIDEO

    Terence Hill lascia Don Matteo
    Applauso d'addio della troupe

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.