A- A+
Culture
Capodichino diventa aeroporto archeologico

Una copia della Nike, una delle sculture di epoca romana più note di Napoli, realizzata dal greco Paionios nel IV secolo a.C. e rinvenuta nel 1893 nel corso della demolizione della Chiesa di Sant’Agata agli Orefici durante i lavori di risanamento della città, è da oggi collocata all’interno dell’aeroporto internazionale di Capodichino. Con la Nike, sono  in esposizione nella galleria archeologica al primo piano dell’edificio la statua di Urania, musa dell’astronomia, proveniente da Ercolano e datata I° secolo a.C., quelle di Hermes proveniente dalla Villa dei papiri di Ercolano e del Trittoleum dell’Antica Capua, oltre ad alcuni reperti originali provenienti dai depositi del Museo archeologico napoletano e dagli scavi di Pompei, come i mosaici raffiguranti musici e teatranti. Si tratta di un vero e proprio viaggio nella storia più antica della città e della Campania per i viaggiatori in partenza ma anche per quanti vogliono vivere la struttura aeroportuale come luogo d’arte. Il progetto è frutto del protocollo d’intesa sottoscritto dal direttore dell’Archeologico per conto del Mibact, Paolo Giulierini, e dall’amministratore della Gesac, società di gestione dell’aeroporto, Armando Brunini. L’idea è di creare un rapporto tra la storia della Napoli antica e delle città vesuviane e valorizzare il ricchissimo patrimonio archeologico della regione. Per rendere ancora più unica l’esperienza dei passeggeri all’interno dello scalo, la Gesac provvederà a diffondere su ledwell, monitor e totem video e immagini del Museo Archeologico e le tante opere d’arte che vi sono custodite. Il leit motiv dell’itinerario archeologico è quello del Viaggio - Il Viaggio Haec est Italia Diis Sacra (Plinio Il Vecchio, da Naturalis Historia, Libro III, cap.46) associato a quello del Volo in quanto le opere prescelte sono delle “divinità alate” che dominano il cielo come Nike, Hermes, Trittolemo e Urania provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli e dal Museo Archeologico di Capua. L’ambizioso intento del percorso Aeroporto archeologico, afferma Brunini ad affaritaliani.it “è quello di fornire un forte e significativo contributo alla valorizzazione dell’immenso patrimonio archeologico e culturale, implementando allo stesso tempo, la conoscenza dei siti archeologici del territorio campano, suscitando l’interesse e la curiosità dei flussi turistici, soprattutto stranieri, verso gli attuali itinerari, incentivandone il ritorno nel territorio regionale e la sperimentazione anche di quelli nuovi e meno conosciuti”.

Eduardo Cagnazzi

Tags:
capodichino aeroporto archeologicoaeroporto capodichino
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.