A- A+
Culture
Capodichino diventa aeroporto archeologico

Una copia della Nike, una delle sculture di epoca romana più note di Napoli, realizzata dal greco Paionios nel IV secolo a.C. e rinvenuta nel 1893 nel corso della demolizione della Chiesa di Sant’Agata agli Orefici durante i lavori di risanamento della città, è da oggi collocata all’interno dell’aeroporto internazionale di Capodichino. Con la Nike, sono  in esposizione nella galleria archeologica al primo piano dell’edificio la statua di Urania, musa dell’astronomia, proveniente da Ercolano e datata I° secolo a.C., quelle di Hermes proveniente dalla Villa dei papiri di Ercolano e del Trittoleum dell’Antica Capua, oltre ad alcuni reperti originali provenienti dai depositi del Museo archeologico napoletano e dagli scavi di Pompei, come i mosaici raffiguranti musici e teatranti. Si tratta di un vero e proprio viaggio nella storia più antica della città e della Campania per i viaggiatori in partenza ma anche per quanti vogliono vivere la struttura aeroportuale come luogo d’arte. Il progetto è frutto del protocollo d’intesa sottoscritto dal direttore dell’Archeologico per conto del Mibact, Paolo Giulierini, e dall’amministratore della Gesac, società di gestione dell’aeroporto, Armando Brunini. L’idea è di creare un rapporto tra la storia della Napoli antica e delle città vesuviane e valorizzare il ricchissimo patrimonio archeologico della regione. Per rendere ancora più unica l’esperienza dei passeggeri all’interno dello scalo, la Gesac provvederà a diffondere su ledwell, monitor e totem video e immagini del Museo Archeologico e le tante opere d’arte che vi sono custodite. Il leit motiv dell’itinerario archeologico è quello del Viaggio - Il Viaggio Haec est Italia Diis Sacra (Plinio Il Vecchio, da Naturalis Historia, Libro III, cap.46) associato a quello del Volo in quanto le opere prescelte sono delle “divinità alate” che dominano il cielo come Nike, Hermes, Trittolemo e Urania provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Napoli e dal Museo Archeologico di Capua. L’ambizioso intento del percorso Aeroporto archeologico, afferma Brunini ad affaritaliani.it “è quello di fornire un forte e significativo contributo alla valorizzazione dell’immenso patrimonio archeologico e culturale, implementando allo stesso tempo, la conoscenza dei siti archeologici del territorio campano, suscitando l’interesse e la curiosità dei flussi turistici, soprattutto stranieri, verso gli attuali itinerari, incentivandone il ritorno nel territorio regionale e la sperimentazione anche di quelli nuovi e meno conosciuti”.

Eduardo Cagnazzi

Tags:
capodichino aeroporto archeologicoaeroporto capodichino
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
CUPRA Born,ordinabile in Italia

CUPRA Born,ordinabile in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.