A- A+
Culture
Ercolano, non solo scavi. Viaggio a Villa Campolieto. FOTO

Di Eduardo Cagnazzi

Riapre ai visitatori ad Ercolano, dopo un restauro della durata di un anno che ha interessato le facciate, gli interni, i giardini e lo spazio teatrale nel palco e nella platea, Villa Campolieto, una delle ville vesuviane più rappresentative del Miglio d’Oro. Edificata nel 1755 e nel 1763 riprogettata da Luigi Vanvitelli, la villa fu sottratta al degrado dall’Ente per le Ville Vesuviane, oggi Fondazione, che l’acquistò nel 1077 e ne realizzò un primo restauro a cura dell’architetto Paolo Romanello. Prescelta dal 1987 come sede del festival delle Ville Vesuviane, giunto alla ventottesima edizione, la villa è situata in posizione panoramica sul lato rivolto al mare dell’allora strada regia per le Calabrie, nel tratto divenuto poi noto come Miglio d’Oro per le centinaia di sontuose ville realizzate dalla nobiltà napoletana e dai Borbone. Con gli scavi archeologici la villa è tra i siti più visitati di Ercolano. Fondata secondo la leggenda da Ercole, attratto dalla bellezza dei luoghi, seppellita nel 79 d.C. dal fango vulcanico del Vesuvio insieme a Pompei, Ercolano fu terra amena prescelta dalle grandi famiglie della nobiltà partenopea che realizzarono stupende dimore e palazzi, tanto che la strada che le costeggiava meritò l’appellativo di Miglio d’Oro e la resero meta di studiosi, letterati e ricchi turisti che la inserirono nel Gran Tour europeo. Fino ad entrare nel 1997 nel patrimonio universale dell’Unesco anche grazie alle ricche dimore neoclassiche e rococò  costruite da architetti del calibro di Luigi Vanvitelli, Ferdinando Fuga, Ferdinando Sanfelice, Domenico Vaccaro e Mario Gioffredi. Proprio a quest’ultimo fu commissionata Villa Campolieto che ne disegnò la pianta quadrata divisa in quattro blocchi separati da una galleria centrale a croce greca con il belvedere sulla facciata sud. L’opera però fu riprogettata da Luigi e, dopo la sua morte, da Carlo Vanvitelli che mutò in forma ellittica il perimetro dell’esedra delineata con colonne toscane, unendo il corpo di fabbrica al giardino. Più volte restaurata, adesso risplende nuovamente grazie al progetto di restauro da parte della Fondazione Ville Vesuviane che l’ha riportata all’antico splendore grazie ai fondi resi disponibili dal Mibact. Per l’apertura al pubblico del rinnovato spazio teatrale dell’esedra, un concerto del maestro vesuviano Salvatore Accardo, per la prima volta sul palcoscenico della residenza vanvitelliana, offerto dalla Banca di credito popolare di Torre del Greco, nata nel 1888 ed oggi tra i più solidi istituti di credito del Sud Italia. 

 

Tags:
ercolano villa campolietovilla campolieto ercolano viaggi
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.