A- A+
Culture
François Hollande: "Vincent Bolloré? Un catto-integralista. Fate attenzione"

"Vincent Bolloré? Un pirata, un catto-integralista". François Hollande a tutto campo. Un libro, uscito oggi in Francia, raccoglie una trentina di interviste rilasciate tra il 17 febbraio 2012 e il 24 maggio 2016 dal presidente francese. S'intitola "Conversazioni private con il presidente" (Conversations privées avec le président, ed. Albin Michel) ed è firmato dai giornalisti Karim Rissouli, redattore di France2, e Antonin André, capo della politica a Europe 1. Hollande ne ha per tutti, ma a colpire sono soprattutto le sue aspre critiche a Bolloré e alla sua gestione di Canal +.

se di fronte alla cura dimagrante attuata al patron di Vivendi dopo il suo arrivo alla guida del canale nel settembre 2015 l'Eliseo si era astenuto dai commenti, così non è nel privato. Hollande spiega che Bolloré sradica tutto ciò che può essere spirito contestatario, a cominciare da 'Les Guignols' (Les Guignols de l'info, talvolta chiamato semplicemente Les Guignols, è una trasmissione satirica francese in onda su Canal+ dal 1988: consiste in uno pseudotelegiornale i cui protagonisti sono marionette imitano personaggi del mondo politico e volti noti in genere - fonte Wikipedia)

"Sembra un uomo moderno, ma è un cattolico integralista in realtà", dice Hollande di Bollorè, aggiungendo che il miliardario aveva inizialmente promesso di modernizzare il canale facendo di "Les Guignols" una trasmissione internazionale e invitando una nuova generazione di comici come Dany Boon e Arthur. Non solo: "Potremmo pensare - aggiunge Hollande - che abbia nominato Guillaume Zeller (direttore della redazione d'iTélé, canale del gruppo presto ribattezzato CNews) senza fare troppa attenzione, ma non è così. Bolloré è sulla stessa linea di Zeller. Un cattolico integralista che rimprovera al canale non di essere di sinistra, ma di non sostenare certi valori. Rimprovera a Canal di attaccare il papa, la religione...". Descritto spesso come il protetto di Bolloré, Zeller, storico responsabile del sito Direct Matin, è associato agli ambienti cattolici conservatori

"Penso che non ci si debba fidare di Bolloré e non solo politicamente - conclude Hollande -. Quelli che non sono stati attenti sono morti. E' un pirata"

Hollande: mi ricandidero' se avro chance di vittoria, ma... - Francois Hollande, pur consapevole di essere il presidente piu' impopolare della V Repubblica (solo il 17% ritiene che sia l'uomo giutso per risolvere i problemi della Francia) spera tanto di potersi ricandidare all'Eliseo l'anno prossimo. Ma, spiega che, lo fara' solo se si rendera' conto di aver chance di vittoria. E promette che se perdera' - quindi di fatto tradisce la sua voglia di candidarsi comunque - annuncia che lascera' la politica orfana della sua persona. Questo il pensiero del presidente francese sintetizzato nelle anticipazioni di un libro che è sugli scaffali da oggi scritto dai giornalisti Antonin Andre e Karim Rissouli: "Conversations Privees avec le President" . "So cosa significhi passare tanti anni senza una vita personale (che comunque ha avuto viste le tante storie d'amore: con Segolene Royal, la madre dei suoi figli, con Valerie Trierweiler quando arrivo' all'Eliseo, ed in costanza di rapporto, la storia - ancora in corso ma non sbandierata - con l'attrice Julie Gayet, ndr) ma ho il desiderio" di ricandidarmi "perche' questa e' la mia personale inclinazione". Ma "non mi faro' avanti - aggiunge l'attuale presidente - se non avro' segnali che potrei avere una chance di vittoria. (E) se perdero' lascero' la politica".

Hollande, che ha compiuto 62 anni lo scorso 12 agosto, venne eletto a maggio del 2012 sconfiggendo il suo predecessore, il gollista e attuale leader dei Les Republicains (erx Ump), Nicolas Sarkozy, suo probabile futuro rivale. Le presidenziali si terranno al primo turno il 23 aprile ed il ballottaggio il 7 maggio. A giugno le politiche. Per cui la Francia del 2017 - al netto dell'imponderabile effetto di non auspicabili nuovi attentati - potrebbe essere politicamente molto diversa dall'attuale Unico dato positivo per Hollande la notizia che la disoccupazione nel secondo trimestre del 2016 e' scesa sotto la soglia del 10% (9,6%) per la prima volta da quando e' stato eletto.  

Tags:
françois hollande vincent bolloréhollande bolloré accuse
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.