A- A+
Culture
Guggenheim, la giustizia francese rifiuta il ricorso... Il caso

La giustizia francese ha respinto il riscorso dei discendenti francesi di Peggy Guggenheim assegnando alla Fondazione Solomon Guggenheim di New York l’amministrazione della celebre collezione d’arte moderna della mecenate americana. I ricorrenti accusavano la Fondazione di cattiva gestione della collezione della nonna – più di 300 opere – e di non rispettare i suoi desideri. Sono stati condannati a pagare 30.000 euro di danni e a coprire le spese, ma hanno già annunciato appello.

Nel 1976 Peggy aveva legato la raccolta e il Palazzo Venier dei Leoni sul Canal Grande, oggi museo in piena regola, al cugino Harry Guggenheim, direttore della fondazione a condizione che non venisse dispersa e che solo poche opere potessero essere prestate ogni anno.

Visitando il palazzo durante la Biennale di Venezia nel 2013, i discendenti avevano trovato cambiamenti che ritenevano non consoni alle volontà della mecenate e così sono ricorsi al tribunale richiedendo la restituzione della raccolta. In secondo luogo chiedevano almeno d’essere consultati e coinvolti nella gestione del Palazzo veneziano.

Ma la corte non ha risposto alle loro richieste, sostenendo che la questione era già stata risolta 20 anni fa. Non è infatti la prima volta che i discendenti di Peggy Guggenheim attaccano la  fondazione di New York perché amministra male la prestigiosa collezione. Nel 1994, la giustizia aveva già respinto la richiesta di revoca della donazione e la riabilitazione della collezione. Ma dopo che una transazione è stata conclusa tra le parti, nel 1996, un tribunale di Parigi ha dichiarato il caso “passato in giudicato”. La Collezione Peggy Guggenheim è uno dei gioielli della Solomon Guggenheim Foundation e attira circa 400.000 visitatori l’anno. Secondo la Fondazione, “oggi è il museo d’arte moderna e contemporanea italiano più visitato”.

Tags:
guggenheimgiustiziafrancia
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.