A- A+
Culture
Il Pci infiltrò un suo militante nelle Brigate rosse. Il libro-rivelazione

Nel settembre 1979 il Partito comunista italiano di Enrico Berlinguer infiltrò un suo militante nelle Brigate rosse d’accordo con il reparto antiterrorismo dei Carabinieri diretto da Carlo Alberto Dalla Chiesa. Inizio così l’”Operazione Olocausto 1”, che consentì poi alla Sezione anticrimine dei carabinieri di Roma di avviare lo smantellamento della colonna brigatista che operava nella capitale. Una collaborazione suggellata dal patto tra il senatore Ugo Pecchioli, che dirigeva la sezione Problemi dello Stato del Pci, e il generale che tre anni dopo sarà assassinato a Palermo da Cosa nostra, e che si rivelò decisiva per destabilizzare il partito armato. Lo racconta Domenico di Petrillo, comandante operativo della struttura antiterrorismo romana che agiva agli ordini di Dalla Chiesa, nel suo libro "Il lungo assedio. La lotta al terrorismo nel diario operativo della Sezione speciale anticrimine Carabinieri di Roma Copertina flessibile" di Domenico Di Petrillo (Ed. Melampo), in cui vengono svelati fatti rimasti coperti da segreto per quasi quarant’anni.  

Tags:
pcibrigate rosseil lungo assediodomenico di petrillo
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.