A- A+
Culture
La statua di Mosè torna a risplendere con il restauro e la nuova illuminazione
La statua di Mosè, parte della Tomba di Giulio II, capolavoro di Michelangelo a San Pietro in Vincoli, torna agli antichi fasti grazie a restauro e illuminazione finanziati dal Gioco del Lotto. @Andrea Jemolo

La statua di Mosè, parte della Tomba di Giulio II di Michelangelo, restaurata e illuminata a regola d'arte con il contributo del Gioco del Lotto

 


La statua di Mosè e l'intera Tomba di Giulio II di Michelangelo tornano a risplendere grazie a un complesso progetto di illuminazione, manutenzione e restauro della Soprintendenza per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma, realizzata con il contributo de Il Gioco del Lotto. La nuova illuminazione rivela Michelangelo scultore della luce oltreché del marmo, ed è finalizzata a restituire le condizioni in cui la Tomba venne realizzata nel XVI secolo, negli anni completamente cambiate con la chiusura di una finestra. L’impianto curato da Mario Nanni, in stretta collaborazione con il restauratore Antonio Forcellino, è stato realizzato con tecniche informatiche e lampade a led di Viabizzuno, in grado di restituire i colori e l’intensità della luce di Roma nella zona di San Pietro in Vincoli.

 

 

Il restauratore Antonio Forcellino racconta il lavoro di recupero in un evento speciale e gratuito: l'invito

 

 

Giovedì 23 e 30 marzo, alle ore 19, nella Chiesa di San Pietro in Vincoli, il restauratore Antonio Forcellino racconta Mosè con una lezione speciale per scoprire la storia, le curiosità e le rivelazioni del restauro del Mosè di Michelangelo e della Tomba di Giulio II offerta dal Gioco del Lotto insieme alla Soprintendenza per il Colosseo di Roma. L'ingresso è gratuito fino a esaurimento dei posti disponibili. Due appuntamenti davanti alla Tomba di Giulio II per raccontare al pubblico le diverse tappe della realizzazione della Tomba, attraverso quarant'anni di progetti e controversie.

 

Forcellino racconta Mosè, l'invitoL'invito per l'ingresso gratuito alla lezione del restauratore Antonio Forcellino sulla rinascita del Mosè e dell'intera Tomba di Giulio II.
 

 

La statua di Mosè torna a risplendere con il restauro e la nuova illuminazione: il contributo del Gioco del Lotto

 

 

Dopo quindici anni dall’ultimo intervento il monumento, che è visitato gratuitamente da milioni di persone ogni anno, è stato pulito e restaurato, recuperando gli splendidi colori del marmo di Carrara scelto e scolpito da Michelangelo, ma senza intaccare la patina del tempo. In continuità con l’importante progetto di restauro e comunicazione del 1999-2001, Il Gioco del Lotto, proseguendo il suo storico legame con l’arte e la cultura, si è offerto di rinnovare il proprio impegno per la salvaguardia dell’opera. Si apre così una nuova stagione nel rapporto tra pubblico e privato che, oltre a promuovere una grande opera di restauro, continua a prendersi cura della conservazione delle opere e della loro conoscenza. Nei prossimi mesi saranno, infatti, organizzate numerose attività per far conoscere al grande pubblico questo straordinario monumento. La Soprintendenza ha affidato il lavoro ad Antonio Forcellino, il restauratore che meglio conosce la Tomba di Giulio II e il Mosè, già curatore del restauro del 2001, mentre per l’illuminazione è stato chiamato Mario Nanni. L’operazione di manutenzione e restauro è stata preceduta da una fase di studio, coronata da una scoperta unica e affascinante. Una delle statue che compongono il monumento, la Vita attiva, trova il suo modello in un affresco di San Silvestro al Quirinale: un caso unico nell’arte di Michelangelo che apre un nuovo capitolo nell’interpretazione del Mosè e dell’intera Tomba di Giulio II.

 

restauro statua mose 2
 

 

 
La statua di Mosè torna a risplendere con il restauro e la nuova illuminazione: il recupero della luce originaria

 

 

La Tomba di Giulio II è un monumento scolpito nella luce: la nuova illuminazione si è resa necessaria perché dall’epoca della sua realizzazione nel XVI secolo le fonti naturali che la irradiano sono totalmente cambiate. Per  realizzare la Tomba, Michelangelo scelse il transetto destro della Basilica di San Pietro in Vincoli per le sue condizioni di luminosità, scartando un'altra chiesa, Santa Maria del Popolo, perché, come ha lasciato scritto, non c’era «lume a proposito». Anche in fase di progettazione ne ha curato ogni dettaglio fin dalla cornice, facendo aprire un grande arco verso il Coro dei frati, in modo che i raggi del sole arrivassero anche dal retro del monumento, con  un effetto di tridimensionalità che anticipava il Barocco. Ogni statua realizzata da Michelangelo è  in rapporto con  le  fonti di  luce diretta, proveniente dalle due finestre ai lati del monumento: Mosè venne scolpito voltato con lo sguardo rivolto alla finestra alla sua sinistra, e sulla fronte arrivavano i raggi del sole, simbolo della salvezza. 

 

restauro statua mose 3
 

 


 

La statua di Mosè torna a risplendere con il restauro e la nuova illuminazione: la tecnologia utilizzata

 

 

L’illuminazione del transetto nel corso degli anni è profondamente cambiata: la finestra verso cui guarda Mosè è stata chiusa, mentre quella sul lato opposto è stata ingrandita, con un  capovolgimento di 180 gradi dell’illuminazione originaria. Antonio Forcellino e Mario Nanni hanno  progettato e realizzato la nuova illuminazione per restituire le condizioni in cui Michelangelo progettò l’intero monumento e finì le sue statue. Per realizzare l’impianto sono state usate le tecniche più moderne: sono stati misurati l’intensità e i colori della luce del sole nelle varie ore del giorno intorno alla Basilica e al suo interno; per riprodurre questa luce sono state messe in opera  lampade a led; infine sono stati progettati programmi computerizzati che rendono una  illuminazione quadro e una simulazione dell’andamento della luce durante le ore del giorno. La nuova illuminazione si inserisce in un quadro di lavori di restauro svolti in varie fasi dalla  Soprintendenza  in collaborazione con il Gioco del Lotto. A partire dal 1999 con un primo grande restauro terminato nel 2001, e nell’autunno 2016 con un ulteriore pulizia della Tomba.

Tags:
restauro statua di mosèrestauro tomba di giulio iilottomaticagioco del lotto
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.