A- A+
Culture
New York, Medusa sta con il #metoo davanti al tribunale del processo Weinstein

Da martedì 13 ottobre, fino alla fine di aprile, una scultura sfida il tribunale penale di New York, proprio quello in cui è stato processato Harvey Weinstein, condannata a marzo 2020. Realizzata dall'artista argentino Luciano Garbati, rappresenta una delle Gorgoni, Medusa, che tiene tra le mani la testa di Perseo. “Icona di giustizia”, sottolinea il comunicato, la figura di Medusa è diventata un potente simbolo della rabbia e dell’azione femministe.

L'opera reinterpreta una statua esposta in Piazza della Signoria a Firenze, progettata dall'artista rinascimentale Benvenuto Cellini che celebra l'eroe greco Perseo in piedi sul corpo di Medusa mentre brandisce la testa della giovane donna. Una scena ispirata alla mitologia greca che racconta come Poseidone, innamorato di Medusa, figlia di Phorcys e Keto, finisce per violentarla in un tempio dedicato ad Atena. Nonostante sia una vittima, Medusa viene punita dalla stessa dea che la trasforma in una Gorgone, una creatura il cui sguardo ha il potere di pietrificare chi lo incrocia. Con l'aiuto degli dei, poi, Perseo riesce a ucciderla prima di decapitarla.

Medusa New York
 

Nella sua versione moderna del 2008, Luciano Garbati ha voluto ribaltare i ruoli: è una Medusa trionfante a tenere in mano la testa mozzata di Perseo, ed è l'artista stesso che presta i propri lineamenti al volto maschile. Questo è il suo modo di denunciare la violenza di genere e sessuale. Quando ha presentato domanda per partecipare al programma della città di New York Art in the Parks, l'artista argentino ha ricordato che "per millenni, alle donne è stato detto che se venivano violentate, era colpa loro".

Medusa New York
 

Tuttavia,alcune voci si sono levate contro l’opera. Alcune femministe si sono rammaricate che il pezzo, destinato a onorare il movimento #MeToo, sia stato creato da un uomo. Altri critici prendono di mira la scelta di attribuire la testa mozzata a Perseo piuttosto che a Poseidone, lo stupratore di Medusa. Alcuni si offendono anche per la morfologia attribuita a Medusa - giovane e desiderabile - quando il mito la dipinge come brutta, persino mostruosa.

Tuttavia, il New York Times ricorda che nel 2018 le immagini di questa statua di Medusa avevano invaso il web, diventando il simbolo della rabbia femminile.

Medusa New York
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    new yorkmedusaweinsteinmetooviolenza sessualeviolenza di generestatua medusausastati unitifemminismo
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arriva la nuova Fiat Panda: più eco, più tecnologica e più divertente

    Arriva la nuova Fiat Panda: più eco, più tecnologica e più divertente


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.