A- A+
Culture
Parigi e i bouquinistes lungo la Senna. Un patrimonio culturale in pericolo

I bouquinistes dei quais sono un simbolo della cultura francese con i loro libri antichi esposti nelle loro “scatole” di metallo verde, che la sera si richiudono su se stesse. Stanno lungo la Senna, tutt’attorno all’Ile de la Cité. Ma ora il loro destino è sempre più minacciato da tanti fattori: la vendita di souvenir, la diffusione di internet, la paure del terrorismo, l'aumento del traffico lungo le rive del fiume che attraversa la capitale francese. Eppure, come scrive Le Figaro, Parigi non sarebbe Parigi senza la sua libreria a cielo aperto che si estende per 3 chilometri, dal ponte Marie ai quai Mitterand e dal quai de la Tournelle al quai Voltaire. I libri, sia quelli antichi e preziosi sia quelli “d'occasione", stanno in bella mostra di fronte a passanti e turisti, ma ormai non permettono più ai commercianti di vivere solo di questo.

Molti stanno cominciando a vendere souvenir, ma la regolamentazione dice che ognuno ha diritto a quattro “scatole" di cui una sola può essere destinata alla vendita di oggetti per i turisti. Non solo. E’ vero che i bouquinistes sono gli unici commercianti a non pagare le tasse al Comune di Parigi, ma devono per regolamento tenere aperto almeno 4 giorni alla settimana anche in caso di intemperie o di imprevisti. Se vogliono chiudere per qualche giorno, devono avvisare il Comune. Regole piuttosto stringenti per un’attività che è precaria e poco redditizia, portata avanti più che altro per passione e tradizione familiare. Per alcuni il mestiere di bouquiniste è stato trasmesso di padre in figlio, altri sono stati introdotti in quest’appassionante universo da amici e ne hanno fatto un mestiere che ora promette un futuro incerto.

Dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco, i bouquinistes presentano lungo la Senna più di cinquecentomila libri, riviste, fumetti, francobolli e cartoline da collezione. La parola bouquiniste viene dal fiammingo boeckjîn e significa piccolo libro. L’origine di questo mestiere è quasi contemporanea alla costruzione del Pont Neuf, il più vecchio di Parigi, datato 1607. Su questo ponte i primi mercanti ambulanti di libri si stabilirono per vendere libri e giornali, spesso sovversivi e vietati dal Concilio di Trento. Cacciati a più riprese dal Pont Neuf, fu soltanto nel XVII secolo che i mercanti ambulanti iniziarono a piazzarsi stabilmente sul ponte e sulle banchine della Senna. Ed è così che in oltre 400 anni sono diventati uno dei simboli più suggestivi di Parigi.

Tags:
parigi librai sennaparigi bouquinistesparigi librai bouquinistes
in evidenza
Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

GF VIP 2021

Jo Squillo in burqa per le donne
La protesta scade nel ridicolo

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.