A- A+
Culture
Scala, all'Andrea Chénier di questa Prima do un 7

La Prima della Scala, com'è noto, è più un evento mondano che musicale in senso stretto, anche se non si può assolutamente dire, e tutti s'affrettano a commentare come l'opera sia stata un successo straordinario, un trionfo, salutato da 10 minuti d'applausi, quasi come per la Corazzata del Riccardelli. 

La Scala è, realmente, un tempio sacro per la lirica mondiale. Il fatto è che, da qualche anno, non ci sono più validi sommi sacerdoti. Alla Callas e a Del Monaco non hanno dato il cambio professionisti migliori, come avviene sempre per lo sport, per esempio. Jesse Owens fu un mito, l'uomo più veloce del mondo, ma oggi non si qualificherebbe nemmeno per i giochi della gioventù. 

I cantanti di oggi, ieri sarebbero stati letteralmente subissati dai fischi di palati fini che, proprio oggi, si dedicano più alla cena che alla scena. 

Il tenore della Prima ha una bella voce, ottimo timbro, colore vivace, cristallino, ma il volume di un pesce bolso. E se il direttore vuol dimostrare che, con lui, gli archi e gli ottoni si trasformano nelle trombe delle sfere celesti, la giostra armillare perde la voce e lascia sul palco un attore in un buffo costume, grassottello, che sembra aprire la bocca, di quando in quando, come per respirare sott'acqua. Sua moglie, il soprano, non ha questi problemi, ma crede di essere un De Gregori a un live unplugged nei raffinati salotti romani. E recita, invece di cantare. 

All'Andrea Chénier di questa Prima do un 7, perché le scenografie e la regia sono da dieci e alzano la media. 

È al pubblico che do un 10 e lode. Mancavano alcuni politici? Meglio! C'era chi era bello ci fosse, tra eleganza e sfarzo di rara ricercatezza. 

Honny soit qui mal y pense! La lirica è poesia in musica. Questa è un critica costruttiva. Da Canzonissima al GF VIP c'è tutto lo spazio che oggi ha percorso ogni arte, un cammino sventrato dall'usa e getta (e guadagna), che lascia ancora un po' di margine al sogno poetico di Andrea Chénier: del mondo anima e vita è l'Amor! 


Andrea Bricchi
(@andreabricchi77).

Tags:
prima scala
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.