A- A+
Culture
Woody Allen spegne ottanta candeline e porta al cinema “Irrational man”

«Non credo nell’aldilà anche se mi porterò la biancheria di ricambio», ma il neo ottantenne Woody Allen non sembra affatto temere il tempo che passa e si regala il suo 46esimo film, “Irrational man”, che in Italia uscirà il 17 dicembre con protagonista Joacquin Phoenix. Per ritrarre questo genio indiscusso del cinema sono ancora attuali le parole del fumettista Stuart Hample, che dopo un primo incontro casuale con un Woody Allen alle prime armi nei night di New York ebbe l’idea di farne il protagonista di una striscia a fumetti: «Uno che si sentiva solo nell’universo, era un disastro con le donne, veniva umiliato dai genitori e che farciva questi soggetti con le battute più divertenti dai tempi di Oscar Wilde». Era il lontano 1957 e da allora Woody Allen ha macinato un successo dopo l’altro, si é aggiudicato 4 Oscar senza mai ritirarli, ha amato donne affascinanti nonostante un aspetto lontano anni luce dal classico sex symbol, ha riempito le pagine dei tabloid scandalistici senza cercare mai visibilità e ha celebrato la psicoanalisi in tanti suoi film pur ammettendo che nel suo caso é stata inutile. Ad augurare buon compleanno a uno dei più grandi e prolifici registi di tutti i tempi sarà lo sterminato popolo dei suoi estimatori, che aspettano con curiosità ogni sua nuova pellicola, perché anche nelle meno riuscite sono certi di trovare la battuta folgorante che vale il costo del biglietto, e quelli che si sono innamorati delle magiche atmosfere di New York dipinte nei suoi film con l’aiuto del grande Carlo Di Palma, e ci saranno pure gli appassionati di jazz, quelli che fanno capolino ogni lunedì sera al Caffè Carlyle sperando di sentirlo suonare con la New Orleans Jazz Band. Un coro trasversale e unanime pronto a ringraziarlo per il tocco unico del suo cinema e per il genio dei suoi dialoghi, che nemmeno i suoi più acerrimi detrattori riusciranno mai a sminuire, anche perché per metterli a tacere basterebbe ricordargli che Woody Allen é stato fin dall’inizio il più velenoso critico di se stesso, arrivando a dire del suo primo film che «era così brutto che in sette stati americani aveva sostituito la pena di morte»

Tags:
woody allen
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.