A- A+
Economia
AgCom, i timori del governo su Tim. Mediaset al riparo, non è scalabile

Ma quale norma-salva Mediaset dalla scalata di Vivendi. Il provvedimento allo studio del ministero dello Sviluppo guidato da Stefano Patuanelli è più un intervento-salva Tim dai colossi americani, i famosi OTT, Over The Top ovvero le varie NetflixAmazon&C che, attivissime anche nel business dei contenuti, potrebbero portarsi via con un chippino l’ex monopolista  telefonico e vanificare mesi di sforzi del governo per portare a casa il varo del progetto della rete unica ultraveloce su tutto il territorio nazionale sotto la regia di Cdp. Una misura oltretutto resa necessaria da un vuoto normativo che si è venuto a creare dopo la bocciatura da parte della Corte di Giustizia europea, perché contraria al diritto comunitario, dell'articolo 43 del "Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici” (Tusmar) che fissa soglie di mercato sulle partecipazioni incrociate nel settore media e telecomunicazioni e che ha permesso di congelare nel 2018 due terzi della quota di circa 29% di Vivendi in Mediaset, bloccando un presunto tentativo di scalata di Vincent Bollorè della principale emittente commerciale italiana.

vlcsnap 1268 03 29 00h15m36s921
 

Fonti finanziarie vicine al Biscione commentano così con Affaritaliani.it le indiscrezioni circolate oggi sulle mosse allo studio dell'esecutivo, che potrebbero entrare nel decreto legge Covid sulla proroga dell'emergenza o nel decreto Ristori-bis all’esame oggi del consiglio dei ministri o, ancora, come emendamento alla legge di Bilancio quando farà capolino in Parlamento. Mosse che assegnerebbero un ruolo fondamentale di disco verde o rosso all'Autorità per le comunicazioni (l’AgCom) guidata da Giacomo Lasorella sulle operazioni che potrebbero portare a incroci societari e a possibili concentrazioni nei settori media e tlc.

LP 11731059
 

In che modo? Con il compito di “lanciare un’istruttoria - si legge in una bozza del provvedimento esaminata da Reuters - qualora un soggetto si trovi ad operare contemporaneamente nei mercati delle comunicazioni elettroniche e nel Sistema integrato delle comunicazioni (Sic), anche attraverso partecipazioni azionarie rilevanti, volta a verificare la sussistenza di effetti distorsivi o di posizioni comunque lesive del pluralismo”. Istruttoria da concludersi in sei mesi.

Ora, che c’azzecca tutto questo con Mediaset? In vista dell’udienza del Tar del 16 dicembre, i cui i giudici amministrativi del Lazio si pronunceranno sul ricorso di Vivendi che intende tornare in possesso di tutti i diritti relativi al proprio 29% nel Biscione, secondo qualcuno il broadcaster di Cologno Monzese sarebbe a rischio scalata. Soprattutto da parte del raider francese Vincent Bollorè, con cui le trattative dopo il nufragio del progetto Mfe (sempre valido però industrialmente) per risolvere la difficile coabitazione e la gestione di una causa miliardaria in favore di Mediaset sono ancora una volta in una fase di stallo.

piersilvio berlusconi
 

Questa visione però, fanno notare le fonti, ha poco a che fare con la realtà. Il motivo principale è che di fatto il gruppo televisivo non è scalabile. Oltre al fatto che il fondatore Silvio Berlusconi e con lui tutta la famiglia non vogliono vendere, l’azionista di maggioranza relativa Fininvest al momento controlla un pacchetto azionario del 44,18%, a cui corrispondono il 45,89% dei diritti di voto in assemblea. Pacchetto a cui deve aggiungersi un 3,73% di azioni proprie in pancia al Biscione e dunque titoli sottratti al flottante disponibile sul mercato. 

Il capitale sotto l’influenza Fininvest dunque sale al 49,62%, a cui si aggiungerebbero quote in mano “amiche” sufficienti a far salire i diritti di voto esercitabili in assemblea a oltre il 50% e a bloccare ogni velleità di conquista.

bollorè ape
 

C’è di più. Secondo quanto stabilito da Mediaset ad aprile del 2019, ad aprile del 2021 scadranno i due anni che precedono l’entrata in vigore del voto maggiorato in assemblea, che di fatto raddoppia i diritti di voto per chi detiene azioni da oltre due anni e che varrà dall’assise 2021. Un principio che porterà Fininvest ampiamente sopra il 50%.

@andreadeugeni

Loading...
Commenti
    Tags:
    mediasettimstefano patuanelli miseagcompier silvio berlusconi
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Ibrahimovic, 7 partite di stop Zlatan contro Fifa 21. EA replica

    Milan, ecco i match che salterà lo svedese

    Ibrahimovic, 7 partite di stop
    Zlatan contro Fifa 21. EA replica


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    DS9 E-Tense, inizia la commercializzazione in Italia

    DS9 E-Tense, inizia la commercializzazione in Italia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.