A- A+
Economia
Azimut completa l'acquisizione di Sanctuary Wealth negli Usa

Il Gruppo Azimut ("Azimut" o il "Gruppo"), uno dei maggiori operatori indipendenti nel risparmio gestito in Europa, attraverso la sua controllata statunitense AZ US Holdings Inc. ("AZUS"), ha completato l’acquisizione del 55% di Sanctuary Wealth Group ("Sanctuary" o "SWG") annunciata a novembre 2020. Sanctuary è una delle principali società americane indipendenti di wealth management, che offre ai consulenti finanziari la possibilità di costruire e gestire il proprio business con il supporto di una piattaforma avanzata.

Azimut è entrato nel mercato degli Stati Uniti per la prima volta nel 2015, con un'iniziativa greenfield a Miami nel settore della consulenza finanziaria, AZ Apice, successivamente rafforzatasi grazie ad una nuova partnership con Genesis Investment Advisors. Nel novembre 2019, il Gruppo ha costituito Azimut Alternative Capital Partners ("AACP") per acquisire partecipazioni di minoranza in asset manager alternativi focalizzati sul Private EquityPrivate CreditVenture Capital e Infrastrutture. AACP ha completato il suo primo deal nel luglio 2020 con l'acquisizione di una quota di minoranza in Kennedy Lewis, primario operatore nel settore del Private Credit con oltre $ 2,5 miliardi di AuM, e sta lavorando attivamente per completare altre transazioni nel prossimo futuro.

Il completamento dell’acquisizione di Sanctuary rappresenta una pietra miliare significativa per il Gruppo, che può disporre negli Stati Uniti di una piattaforma integrata con eccellenze locali sia nel segmento dei private markets sia in quello della distribuzione e del wealth management, le cui masse complessive hanno raggiunto i 10 miliardi di dollari americani.

Sanctuary si è affermata come piattaforma leader per la nuova generazione di consulenti e wealth manager americani, i quali stanno lasciando le banche tradizionali (“wirehouse”) e le società di brokeraggio per creare, gestire e far crescere le loro attività. Dall'annuncio dell'accordo, il patrimonio gestito di Sanctuary è cresciuto da ca. $7 miliardi (equivalenti a circa €6 miliardi) a $8,4 miliardi (€6,9 miliardi), oltre a contare ulteriori assets under advisement da clienti istituzionali. La partnership si concentrerà sullo sviluppo di una rete di consulenti finanziari indipendenti di altissimo livello, che andranno ad aggiungersi ai 43 team di quasi 100 consulenti esistenti che operano in 17 stati.

Con questa acquisizione, AZUS acquisisce una quota del 55% in Sanctuary attraverso un aumento di capitale riservato al fine di finanziare il business plan concordato dalle parti. La quota rimanente continuerà ad essere nelle mani del senior management e dei consulenti finanziari di SWG. L'accordo prevede che l'attuale management di Azimut e Sanctuary collaborino per far crescere l'attività negli Stati Uniti nel medio-lungo termine e prevede diritti di opzione call / put nei prossimi 10 anni oltre ad un ulteriore investimento nel business legato ad alcuni raggiungimenti.

 

Commenti
    Tags:
    azimut
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Hunziker: "Covid? Non ci dormivo Ma poi cercavo di far ridere"

    L'intervista di Affari. VIDEO

    Hunziker: "Covid? Non ci dormivo
    Ma poi cercavo di far ridere"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La ripartenza sarà green, trainata dalla mobilita’ elettrica

    La ripartenza sarà green, trainata dalla mobilita’ elettrica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.