A- A+
Economia
Bce accelera con gli acquisti di titoli. Spread giù. Borsa aumenta i guadagni

Contro la corsa al rialzo dei rendimenti che può compromettere le condizioni di finanziamento dell’economia, rallentandone la ripresa e una ripartenza strutturale dell’inflazione verso il target del 2%, la Bce accelererà nel secondo trimestre con gli acquisti del Pandemic emergency purchase programme (Pepp) da 1.850 miliardi che potrà operare, in maniera flessibile in base alla situazione del mercato, anche oltre la scadenza di fine marzo 2022, "finchè l’Eurotower non riterrà conclusa la fase critica legata al coronavirus". Inoltre, l'Eurotower è pronta ad adeguare tutti i suoi strumenti se necessario per riportare l'inflazione verso gli obiettivi statutari.

bce sede ape
 

E’ questa la risposta di Christine Lagarde per contrastare l'aumento dei tassi sui titoli di Stato che ha messo in fibrillazione i mercati azionari, anche perché fino ad ora di fronte a una ripresa dell'inflazione, gli interventi verbali degli esponenti Bce non hanno trovato riscontro negli acquisti netti del Pepp, che al contrario nelle ultime due settimane sono scesi a circa 12 miliardi (da 20 miliardi), nonostante la promessa dell’Eurotower di mantenere “condizioni di finanziamento favorevoli”.

L’orientamento più deciso per rispondere al rialzo dei rendimenti dunque si è tradotto in un “un ritmo significativamente più elevato” degli acquisti di titoli “rispetto ai primi mesi di quest'anno".  Di quanto?

borsa wall street
 

Abbiamo deciso di "attendere la riunione del Direttivo", con le stime macro aggiornate, "per discutere dell'aumento del ritmo degli acquisti del Qe pandemico", ha specificato la numero uno dell'Eurotower. 

Sul ritmo degli acquisti in dettaglio "non abbiamo in mente un numero preciso". Ma sarà rivisto su base trimestrale. Comunque l'impatto della decisione della Bce di accelerare "in modo significativo" "non si vedrà già nei numeri che saranno pubblicati il prossimo lunedì", e che si riferiscono alla settimana in corso, ma sarà visibile nelle settimane successive. 

Secondo la Reuters, che cita tre fonti vicine al dossier, i membri del Consiglio hanno mostrato concordia sul volume di acquisti mensili di titoli di Stato, esprimendo però visioni diverse sul livello ottimale dei rendimenti. Secondo le fonti, il consiglio avrebbe comunque fissato un obiettivo mensile per il Pepp, con un piccolo margine di tolleranza, concordando però di non rivelarlo. Gli acquisti non dovrebbero raggiungere i 100 miliardi al mese visti nella primavera 2020, ma supererebbero abbondantemente i 60 miliardi degli acquisti di febbraio. Una delle fonti ha specificato che la Bce mira a riportare i rendimenti ai livelli di dicembre, mentre secondo un'altra il recente miglioramento delle prospettive economiche giustifica almeno in parte il rialzo dei rendimenti.

Finora nel programma sono stati comprati bond per 880 miliardi di euro, quindi restano circa mille miliardi per esaurire il tetto massimo definito finora (1.850 miliardi), cap che potrebbe anche non essere raggiunto. "Se le condizioni di finanziamento favorevoli possono essere mantenute mediante flussi di acquisti di attività che non esauriscano la dotazione nell'orizzonte degli acquisti netti del Pepp - ha concluso infatti la Bce - non sarà necessario utilizzare appieno la dotazione. Allo stesso modo, la dotazione può essere ricalibrata, se richiesto, per preservare condizioni di finanziamento favorevoli che contribuiscano a contrastare lo shock negativo della pandemia sul profilo dell’inflazione”.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    bcechristine lagardebtpspread btp bundmonetary policy bcepress conference lagardeinflazione ue
    S
    i più visti
    in evidenza
    Leotta, indiscrezione clamorosa "Pare che Diletta non ha..."

    Bomba sul suo futuro

    Leotta, indiscrezione clamorosa
    "Pare che Diletta non ha..."


    casa, immobiliare
    motori
    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

    Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.